Italiani in Argentina, lo scorso 2 giugno a la Plata la Festa della Repubblica Italiana

Celebrazioni svolte alla presenza di numerosi connazionali provenienti da tutta la circoscrizione consolare e di Autorità di governo e istituzioni

Lo scorso 2 giugno presso il Municipio di La Plata è stato celebrato il 71° anniversario della Repubblica Italiana. Come da tradizione, le celebrazioni si sono svolte alla presenza di numerosi connazionali provenienti da tutta la circoscrizione consolare, di Autorità di governo, di personale militare e diplomatico nonché di esponenti del mondo della cultura e dell’economia e della società civile.

Nel suo discorso, il Console Generale ha ricordato il profondo significato della ricorrenza del 2 giugno e si è soffermato sull’eccellente stato delle relazioni tra Italia ed Argentina rimarcando la storica Visita di Stato compiuta poche settimane dal Signor Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, una visita nel corso della quale sono stati firmati importanti accordi di cooperazione bilaterale in moltissimi settori.

Durante la cerimonia sono intervenuti anche l’Arcivescovo di La Plata, Monsignor Héctor Aguer, ed il Segretario Generale del Municipio di La Plata, Javier Mor Roig i quali, entrambi, hanno rimarcato la grande importanza della collettività italiana nella costruzione e nello sviluppo della città di La Plata dalla sua fondazione sino ad oggi.

Nel corso della serata è stato riproposto a beneficio di tutti i connazionali presenti il saluto rivolto dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a tutta la comunità italiana in Argentina lo scorso 8 maggio presso il Teatro Coliseo di Buenos Aires. La cerimonia ha visto, inoltre, l’esibizione dal vivo del baritono Claudio Acevedo e del mezzo soprano Susana Paladino del corpo stabile del Teatro Argentino che ha eseguito dei classici della lirica italiana, e di quella del coro degli Alpini di La Plata. Le celebrazioni sono terminate con un ricevimento offerto dal Consolato Generale presso le sale della Municipalità di La Plata.

Comments