Fedi e Porta (Pd), con “Opzione Donna” pensione anticipata anche per residenti all’estero

Le donne possono anticipare di molto il diritto a pensione quando soddisfano i requisiti stabiliti dalla cosiddetta norma “Opzione donna”.

Non sappiamo quante siano le donne italiane residenti all’estero potenzialmente interessate al pensionamento anticipato stabilito dalla norma cosiddetta “Opzione donna”, ma fossero anche solo 100 riteniamo utile ed opportuno illustrare le ultime novità.

Innanzitutto giova ricordare che attualmente le donne possono ottenere la pensione di vecchiaia italiana se fanno valere almeno 20 anni di contribuzione (anche con il meccanismo della totalizzazione dei contributi accreditati in un Paese con il quale l’Italia ha stipulato un accordo di sicurezza sociale) e un’età anagrafica di 65 anni e 7 mesi le lavoratrici dipendenti del settore privato e 66 anni ed 1 mese le autonome; possono inoltre ottenere la pensione anticipata con 41 anni e 10 mesi di contributi a prescindere dall’età anagrafica ed anche con il meccanismo della totalizzazione.

Tuttavia le donne possono anticipare di molto il diritto a pensione quando soddisfano i requisiti stabiliti dalla cosiddetta norma “Opzione donna”.

Sebbene né l’Inps né i Ministeri competenti hanno informato adeguatamente le nostre connazionali, il sistema di pensionamento anticipato “Opzione donna” si deve applicare anche alle donne residenti all’estero che facciano valere contributi in Italia.

È bene subito sgombrare il campo da facili illusioni: questo pensionamento anticipato ha paletti molto rigidi e spesso non conviene, ma per alcune tipologie di emigrate può essere accessibile e conveniente.

L’Opzione donna permette un anticipo significativo dell’età pensionabile che abbiamo su descritto ed è offerto anche nel 2017 alle lavoratrici che hanno raggiunto 57 anni di età (58 le autonome) unitamente a 35 anni di contributi (che possono essere fatti valere con il meccanismo della totalizzazione con i contributi esteri) ENTRO IL 31 DICEMBRE 2015.

Le donne residenti all’estero che soddisfino tali requisiti potranno chiedere, come le donne in Italia, il pensionamento anticipato a condizione però di optare per la liquidazione della pensione con le regole di calcolo contributivo, maggiormente penalizzanti in termini di importo ma con la tutela per le residenti all’estero dell’importo minimale introdotto dalle legge n. 335/95 che prevede un minimo di circa 13 euro mensili per ogni anno di contribuzione fatto valere in Italia.

Consigliamo tuttavia alle nostre emigrate che possono essere interessate all’Opzione Donna di rivolgersi al patronato di riferimento visto che verifica diritto e procedure della domanda sono complicate dal fatto che ai fini dell’accesso al trattamento pensionistico in questione, restano fermi la disciplina relativa agli incrementi della speranza di vita, nonché il regime delle decorrenze (c.d. finestre mobili) e il sistema di calcolo contributivo per la misura del trattamento medesimo (anche se vale infine la pena sottolineare che l’applicazione del sistema contributivo è limitata alle sole regole di calcolo; pertanto a tali pensioni si applicano le disposizioni sul trattamento minimo e non è richiesto il requisito dell’importo minimo previsto per coloro che accedono al trattamento pensionistico in base alla disciplina del sistema contributivo).

I deputati PD estero Marco Fedi e Fabio Porta

NESSUN COMMENTO

Comments