UCRAINA | L’Ambasciata d’Italia a Mosca chiede alle imprese italiane di non lasciare la Russia

In Russia sono presenti circa cinquecento imprese e “solo una” ha annunciato finora l'intenzione di lasciare il Paese

“Credo che come Paese in questo momento dobbiamo continuare a sostenere l’indebolimento di Vladimir Putin. Se continua così condanna il suo popolo alla morte economica e quel popolo lo abbandonerà”. Mentre il ministro degli Esteri Luigi Di Maio – in una intervista a La Stampa – pronunciava queste parole sulle sanzioni economiche contro la Russia, l’ambasciatore italiano a Mosca, Giorgio Starace, nella giornata di venerdì incontrava una folta rappresentanza di imprese italiane invitandole a “non prendere decisioni affrettate” e restare nel paese malgrado le sanzioni economiche.

L’incontro di venerdì – si legge su La Stampa nell’edizione del weekend -, previsto da tempo e rientrante nelle normali relazioni tra la rappresentanza diplomatica e le imprese attive nel Paese, ha visto la presenza di un centinaio di imprese, in parte in presenza e in parte collegate dall’Italia.

Oltre ai rappresenti delle aziende e dell’ambasciata, hanno partecipato all’incontro anche due alti funzionari governativi: Liborio Stellino, direttore generale promozione sistema Paese della Farnesina, e Amedeo Teti, dirigente generale del ministero dello Sviluppo Economico.

L’incontro e le parole dell’ambasciatore sono state confermate a La Stampa da una serie di persone presenti. Durante l’incontro, Starace ha fatto riferimento al fatto che in Russia sono presenti circa cinquecento imprese e “solo una” ha annunciato finora l’intenzione di lasciare il Paese. Invitando dunque “tutti” ad aspettare e non prendere “decisioni affrettate”.