TROPPE BEGHE INTERNE | Centrodestra a rischio figuraccia

I distinguo tra i centristi, Forza Italia e la Lega, che hanno scelto di sostenere il Governo Draghi, e Fratelli d'Italia, che ha scelto di stare all'opposizione, stanno mettendo in forse il futuro dell'alleanza…

Forse a qualcuno non è chiaro che il centrodestra rischia veramente di fare una figuraccia nella tornata elettorale che ci sarà. Se fino all’avvento del Governo Draghi sembrava che non ci fosse confronto e che il centrodestra potesse vincere a mani basse, ora sembra che le cose siano cambiate.

I distinguo tra i centristi, Forza Italia e la Lega, che hanno scelto di sostenere il Governo Draghi, e Fratelli d’Italia, che ha scelto di stare all’opposizione, stanno mettendo in forse il futuro dell’alleanza. Oramai, si stanno vedendo sempre più situazioni che vanno ben al di là della semplice dialettica politica.

Basti pensare a quello che è accaduto a Roma, con il candidato sindaco Enrico Michetti, il quale è vicino a Fratelli d’Italia. Questi ha lasciato il dibattito piuttosto tirato con il sindaco in carica Virginia Raggi, con tanti malumori di Forza Italia e Lega. Forza Italia non ha digerito il passaggio di qualche suo parlamentare a Fratelli d’Italia. In un suo post su Instagram, il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi ha parlato della sua alleanza con la Lega, ma non ha citato Fratelli d’Italia.

A Milano, la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni non si è presentata alla presentazione del candidato sindaco di Milano Luca Bernardo, a seguito del famoso sgarbo fatto dagli alleati alla RAI.

Forza Italia è per il Green Pass e (come Fratelli d’Italia) la Lega è contraria, anche se al suo interno è scoppiato il caso Giorgetti.

Se nella nascita del Governo Draghi vi fosse stata l’intenzione di dividere il centrodestra, chi ha voluto ciò potrebbe avere colpito nel segno. Il fatto che ci deve fare riflettere è il seguente: la sinistra è in crisi di consensi. Prima dell’avvento del Governo Draghi, in un’elezione politica, il Partito Democratico ed il Movimento 5 Stelle avrebbero perso anche se si fossero messi insieme. Però, con il Governo Draghi, le cose sono cambiate.

Di fronte ad un centrodestra diviso, la sinistra è di nuovo in partita e può ancora dire la sua. La sensazione è che la partita si sia riaperta. Tra l’altro, gli elettori del centrodestra tendono ad astenersi, quando la coalizione va male. Dunque, il centrodestra avrebbe potuto vincere in carrozza in Calabria e in varie città, ma i fatti recenti potrebbero avere incrinato l’alleanza e potrebbero portare a risultati del tutto inaspettati.