Terremoto Catania, “ingenti danni alle cose”. Pogliese, “rispetto per gente che soffre”

“Nell'hinterland la situazione nei comuni metropolitani maggiormente colpiti dal terremoto, per fortuna, non presenta danni gravi alle persone”

Gravi danni alle cose nel Catanese dopo il terremoto di questa notte

“Catania non presenta danni alle persone e alle cose”. Lo dichiara il sindaco metropolitano Salvo Pogliese facendo il punto della situazione sull’emergenza terremoto.

Dopo la ricognizione effettuata dalla protezione civile comunale guidata dall’assessore Porto, si è potuto appurare che “nell’hinterland la situazione nei comuni metropolitani maggiormente colpiti dal terremoto, per fortuna, non presenta danni gravi alle persone (10 feriti lievi accertati); sono purtroppo ingenti quelli alle cose“.

Pogliese spiega che le strutture della città metropolitana, “coordinate dall’ingegnere Galizia, sono al lavoro dalle prime ore di questa mattina. La viabilita’ di collegamento tra i paesi piu’ colpiti – Zafferana, Santa Venerina, Aci Sant’Antonio, Trecastagni, Viagrande, Aci Catena e Acireale – e’ parzialmente interrotta per alcuni crolli dei muri a secco (sono interessate le strade provinciali 84, 59/1, 192, 115, 4/1), ma le squadre viabilita’ delle Pubbliservizi, sono gia’ al lavoro – in coordinamento con le altre forze presenti sul territorio – per ripristinarle”.

“Sotto il coordinamento di Protezione Civile guidato dal prefetto Claudio Sammartino – sottolinea Pogliese – i tecnici della provincia parteciperanno ai controlli nelle strutture pubbliche, in particolare nelle scuole”.

In conclusione Pogliese sottolinea che sono tante le persone “che stanno soffrendo”, dunque “non guasterebbe” un po’ di rispetto anche nei commenti sui social.