Sgomberato campo Baobab a Roma, Salvini: “Dalle parole ai fatti”

Il ministro dell’Interno: “Zone franche, senza Stato e legalità, non sono più tollerate. L'avevamo promesso, lo stiamo facendo. E non è finita qui”

E’ avvenuta questa mattina l’operazione di sgombero nel piazzale Maslax, dietro la stazione Tiburtina di Roma, che da circa tre anni era diventata la sede di un campo per migranti assistiti dai volontari dell’associazione Baobab. Secondo quanto riferisce la Questura di Roma, durante lo sgombero non c’è estata alcuna “criticità di rilievo”, 140 persone sono state “accompagnate in via Patini per l’identificazione”.

Il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini è soddisfatto: “Zone franche, senza Stato e legalità, non sono più tollerate. L’avevamo promesso, lo stiamo facendo. E non è finita qui. Dalle parole ai fatti”.

“Le questioni sociali, a Roma, si risolvono così: polizia e ruspa”, replicano i volontari del Baobab. “Il Campidoglio a 5 stelle non è diverso né dai precedenti, né dalla Lega. Una vergogna infinita per questa città”.