Ristoranti italiani nel mondo, nasce Ciao Italia 2.0: Antonella Rebuzzi presidente onorario

“Il 30 maggio 2015 i ristoratori italiani nel mondo e i produttori enogastronomici ed agro alimentari del made in Italy hanno fondato l’Associazione Ciao Italia 2.0 che li rappresenta unitariamente. L’ambizione è di crescere rapidamente aprendo la rappresentanza al turismo con lo scopo di aumentare oltre i classici 3 giorni le presenze nel Paese, alla cultura, all’arte, alle bellezze paesaggistiche, alle opere dell’uomo ed alle  scuole di cucina”. Così in una nota di Ciao Italia 2.0.

“E’ un cambiamento come tanti in Italia, che s’impone per modernizzare il Paese, fermo almeno da 30 anni e dove le forze conservatrici s’oppongono per salvaguardare i propri privilegi a scapito degli interessi della collettività.

Le rappresentanze di categoria sono in crisi e rischiano l’estinzione perché sono un retaggio del passato veramente anacronistico come  CGLI, CISL, UIL e CONFINDUSTRIA. Non possono esistere rappresentanze “ cinghie di trasmissione” di partiti quali PCI, DC, PSI che non esistono più o di industrie che hanno ritirato le adesioni ed inoltre in un Mondo che ha cambiato, quando c’è, il lavoro: modalità,natura  ed operatività. Noi di Ciao Italia 2.0 aggreghiamo per costituire quelle sinergie fra settori con obiettivi convergenti e indirizzate a conquistare l’egemonia nei mercati mondiali”.

“A capo di Ciao Italia 2.0 è stata eletta una donna. Presidente per 5 anni, Lorella Del Grosso esperta tra l’altro di vino, di cucina, di rapporti interpersonali, d’organizzazione, di uso dei moderni mass-media. Presidente Onorario, Antonella Rebuzzi, Senatrice della Repubblica italiana, ristoratrice a Mosca”.

“Le altre cariche, previste dallo Statuto dell’Associazione approvato in sede di riunione, saranno fatte in un secondo tempo, quando le due categorie, dopo essersi annusate, cominceranno a fare amicizia ed elaborare insieme progetti di lavoro”.