La lingua italiana vola all’estero sulle ali del Reparto Volo della Polizia di Stato di Reggio Calabria

Con l'approvazione del ministero dell'Interno è stato infatti realizzato un video per le scuole bilingue all'estero, un video da diffondere laddove si studia e si apprende la lingua e la cultura italiana all'estero

Sulle alle ali del V Reparto Volo della Polizia di Stato di Reggio Calabria, la lingua italiana “vola” oltre confine con la Polizia. Questo grazie all’intraprendenza dell’Asd Polizia di Stato Tennis del presidente Giovanni Colosimo, origini reggine e domicilio ungherese.

A raccontare la vicenda è il Quotidiano della Calabria. L’occasione è stata di quelle importanti: il 75° anniversario della fondazione della Repubblica Italiana, ricorrenza ancora più sentita dagli italiani all’estero.

Il 2 giugno diventa così un doppio appuntamento a quelle latitudini: raccontare una data importante per l’Italia e combinare la ricorrenza con la presentazione di un progetto già collaudato nello Stivale.

Con l’approvazione del ministero dell’Interno è stato infatti realizzato un video per le scuole bilingue all’estero. Con il contributo del V Reparto Volo della Polizia di Stato di Reggio Calabria, a Budapest si è ha avuta, quindi, la possibilità di creare un video da diffondere laddove si studia e si apprende la lingua e la cultura italiana all’estero.

Colosimo racconta: “Non poteva esserci occasione migliore di questa data per ricordare e illustrare la nascita della Repubblica Italiana, ma pure avere l’opportunità di avere come cornice il video con il V Reparto Volo”. “Uno speciale messaggio da parte della Polizia e del comandante del Reparto è stato diffuso agli studenti italiani e stranieri, in questa occasione ospiti dell’Istituto Ujlaki Altalanos Iskola, che attua dei corsi di studio italo ungheresi, nella capitale Budapest, dove si incontrano pure dei validissimi insegnanti di lingua madre”.

Ben vengano tutte quelle iniziative utili a diffondere la lingua italiana all’estero, eccellenza made in Italy, ciò che più di ogni cosa ci identifica nel mondo come italiani.