Italiani all’estero, slittano le elezioni dei Comites? Micheloni, ‘Troppo poco tempo’

Slittano le elezioni dei Comites? Dopo il passaggio alla Camera, mercoledì si inizierà a discutere di Comitato al Senato. L’appuntamento è per le ore 14.30, quando si riunirà il Comitato per le Questioni degli Italiani all’estero, presieduto dal senatore Pd, Claudio Micheloni.  

Proprio Micheloni, a proposito delle elezioni dei Comites, nelle ultime ore ha detto: "Per fare un lavoro ‘serio’ e far sì che siano le elezioni di tutti (e non dell’amico dell’amico) è necessario informare. Fare una corretta informazione è essenziale. Bisognerà prima di tutto scrivere a tutti gli elettori e in poco tempo non sarà certo possibile. Ci vorranno almeno altri tre o quattro mesi". Dunque, secondo Micheloni le elezioni, previste entro la fine di quest’anno, dovrebbero essere rinviate. Non più dicembre, ma – forse – nella primavera del 2015.

Per il senatore eletto nella ripartizione estera Europa e residente in Svizzera, le tre parole chiave che dovranno caratterizzare le elezioni per il rinnovo dei Comitati degli Italiani all’estero sono “trasparenza, democrazia, rappresentanza”.

All’ordine del giorno della seduta del Comitato del Senato ci sono le comunicazioni del presidente sul rinnovo dei Comites: “Con uno slittamento e quindi con più tempo, più informazione, più iscritti alle liste degli elettori e più partecipazione avremo delle vere elezioni. Avremo democrazia".

Il governo ha previsto il rinnovo dei Comites entro il 2014, dopo anni di rinvii. "E’ vero – dice Micheloni – ma non bisogna fare le cose tanto per farle: occorre del tempo o si ridurrà la partecipazione al voto" aggiunge il senatore, facendo riferimento al fatto c’è a disposizione troppo poco tempo per iscriversi al registro consolare degli elettori e questo potrebbe privare del voto gran parte degli aventi diritto.