Europa, Renzi: dobbiamo cambiarla, ridurre burocrazia

Italy's Prime Minister Matteo Renzi arrives for the second day of the G7 summit at the European Council headquarters on June 5, 2014 in Brussels. AFP PHOTO / GEORGES GOBET

"Questo e’ un momento molto pericoloso, dobbiamo cambiare l’Europa". Lo ha detto il premier Matteo Renzi alla Cnn. "Dobbiamo cambiare l’Europa perche’ e’ giusto e corretto – ha aggiunto -, perche’ il problema e’ la direzione. Ritengo sia assolutamente importante ridurre il potere della burocrazia in Europa, il livello del potere dei tecnocrati a Bruxelles". "Per me l’Europa non e’ solo una comunita’ del denaro, ma e’ una comunita’ del futuro”.

"Sono assolutamente convinto che il 3 per cento sia un parametro del passato, ma abbiamo un problema: l’Italia e’ un Paese in cui abbiamo perso credibilita’ perche’ in passato non si sono rispettati i parametri. Quindi la posizione dell’Italia e’ chiara, rispetteremo il 3 per cento". Certo, ha aggiunto, "se il presidente francese decide, per la Francia, di non rispettare il 3% nessuno puo’ rispondere a Hollande o a Valls che questo non e’ corretto".

"Se il presidente della Francia decide un importante distacco dai parametri" europei, "nessuno puo’ dire che non e’ corretto e credere che l’Europa sia una scuola in cui c’e’ un maestro e gli altri sono studenti. L’Europa e’ una comunita’ di destini e di valori. Io preferisco la Francia di Hollande e di Valls al 4,4% a quella di Marine Le Pen a causa di una crisi dei valori che la prossima volta fa perdere le elezioni ai partiti tradizionali".

Renzi, a causa di impegni di governo a Roma, non parteciperà questa mattina a Milano alla prevista cerimonia della firma dell’accordo tra il presidente Anac Raffaele Cantone e il segretario generale Ocse Angel Gurria. Sarà il ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, a rappresentare il governo all’evento. Confermati, invece, gli appuntamenti pomeridiani del premier a Ferrara: visita alla scuola Aquilone e intervista pubblica al Festival di Internazionale.