CORONAVIRUS | 23mila nuovi casi, in Italia superate le 50mila vittime

630 morti nelle ultime 24 ore. I ricoverati con sintomi sono 34.697 (+418) mentre i pazienti in terapia intensiva sono 3.810

Sono in calo a 22.930 (-5.407) i nuovi contagi Covid, come avviene sempre il lunedi’, con 148.945 tamponi eseguiti (-40mila circa). E’ quanto emerge dal bollettino odierno del ministero della Salute che registra anche 630 decessi (+68) per un totale che ormai supera quota 50mila (50.453).

In Lombardia si rilevano 5.289 nuovi casi, in Veneto 2.540 e in Emilia Romagna 2.347. Tra la diminuzione dei nuovi contagi, la quota sostenuta dei decessi e, soprattutto, il numero di dimessi o guariti (+31.395), per la prima volta in questa seconda ondata si registra un calo degli attualmente positivi (796.849, -9.098).

I ricoverati con sintomi sono 34.697 (+418) mentre i pazienti in terapia intensiva sono 3.810 (+9).

LAZIO

Sale leggermente il rapporto tra i positivi al coronavirus e i tamponi, ma calano le terapie intensive. E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano della regione Lazio sull’emergenza Covid-19 al termine della riunione che l’assessore alla Sanita’, Alessio D’Amato, tiene con i responsabili delle Asl e strutture sanitarie.

Altra notizia importante e’ rappresentata dal dimezzamento dell’incidenza cumulativa per 100mila abitanti: si passa da 558 a 275 casi. Il virus rallenta la sua corsa, ma bisogna continuare con le misure adottate, ammonisce D’Amato.

“Una delle principali cause di diffusione del virus nella prima fase tra febbraio e marzo scorsi sono stati gli esiti delle cosiddette settimane bianche. Non ripetiamo gli stessi errori”, sottolinea D’Amato.