‘Andarsene sognando. L’emigrazione nella canzone italiana’: il libro di Eugenio Marino

Uscirà a fine novembre il libro di Eugenio Marino, che molti lettori di ItaliaChiamaItalia conoscono come il responsabile del dipartimento italiani nel mondo del Partito Democratico. Titolo del libro: “Andarsene sognando. L’emigrazione nella canzone italiana”. Una ricostruzione storica dell’Italia degli ultimi 150 anni attraverso la musica italiana che parla di emigrazione.

Il libro sarà presentato il 7 dicembre 2014 alla Fiera della piccola e media editoria Più libri più liberi, al Palazzo dei congressi dell’EUR, dall’ex ministro della solidarietà sociale e della salute Livia Turco, dall’ex ministro degli esteri e ambasciatore negli USA Giulio Terzi di Sant’Agata e dalla giornalista di La Repubblica Alessandra Longo, alla presenza dell’autore.

IL LIBRO Della canzone italiana si sono occupati in tanti, anche nel mondo della politica, ma in pochi hanno sviscerato il tema dell’emigrazione nella canzone italiana. Eugenio Marino ricostruisce in questo libro la storia dell’emigrazione attraverso la canzone: il genere che probabilmente più della letteratura, della storiografia e della politica ha trattato il grande esodo italiano. E ci consegna un’opera utile, completa e trasversale a tutti i generi musicali per riflettere e avvicinarsi con serietà e rigore alle nostre comunità nel mondo e a un tratto portante della nostra identità nazionale, qual è l’emigrazione. Dal canto popolare dei movimenti migratori interni di tipo stagionale Me vo’ partì de qui, vo’ gi’n Maremma alle canzoni dei giovani “cervelli in fuga” nate e diffuse su Youtube, passando per le canzoni di lotta, leggere, gastronomiche e del cantautorato italiano: un excursus nella storia della canzone italiana e dell’emigrazione che ricostruisce e rintraccia gli snodi fondamentali e le svolte, richiamando alla mente i principali protagonisti storici e musicali.

Ritroviamo l’ironia di Carosone, l’impegno politico di De Gregori, la rivoluzione della “scuola genovese”, la “profondità” dei De André e Guccini, fino a Caparezza, passando per Rino Gaetano, Dalla, Fossati e tanti altri. Nella sua puntuale ricerca, Marino concentra l’attenzione sui testi, valutandone contenuti, contesti, poeticità e stili e sottolineandone le trasformazioni sociali, musicali e linguistiche, gli influssi e le tradizioni, evidenziando prepotentemente ciò che lega il mondo della canzone a quello dell’emigrazione e, nell’ultima parte dell’immigrazione.