Miss Italia 2015 in Canada, ‘orgogliosa degli italiani all’estero’

Il 12 ottobre scorso ha compiuto 19 anni, dopo che il 21 settembre è stata incoronata Miss Italia 2015: lei è Alice Sabatini, nata a Montalto di Castro (Viterbo), figlia unica, alta 1.78, occhi marroni e capelli corti castani. Corpo statuario e incedere sicuro, ma soprattutto sguardo vivace e sorriso dolce: la nuova reginetta d’Italia è una bellezza fresca, quasi ingenua, garbata ed elegante. Perché oltre a essere bella, Alice è soprattutto semplice, simpatica e spontanea. Qualità che le hanno permesso di riportare lo scettro di ‘più bella’ nel Lazio, 22 anni dopo l’exploit di Arianna David.

Diplomata in Biotecnologie Sanitarie, Alice vorrebbe laurearsi in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche e svolgere un lavoro che le permetta di viaggiare in tutto il mondo. Nel suo futuro si vede a capo di un’azienda per la produzione di cosmetici, ma il sogno nel cassetto è quello di una carriera come attrice. E chissà che il titolo di ‘Miss Cinema’, consegnatole poco prima della sua elezione, non sia un segno premonitore.

Ma Alice è, anche e soprattutto, una grande sportiva: è una giocatrice di basket e con la squadra del Santa Marinella ha gareggiato in A2. La passione per il canestro, però, dovrà aspettare: in questo anno da Miss, Alice dovrà girare l’Italia ed il mondo, per ‘esportare’ la rinomata bellezza tricolore. Un tour che ha preso il via proprio da Montréal, dove Alice Sabatini è sbarcata giovedì 15 ottobre, accolta dall’azienda dello stilista canadese “Joseph Ribkoff”, sponsor del concorso di Patrizia Mirigliani.

Per una settimana, la più bella d’Italia è stata impegnata in sfilate e servizi di moda, ma si è anche concessa un bagno di folla partecipando al Gala della Federazione Campania del Québec, dove in 300 le hanno riservato un’accoglienza da star hollywodiana. Dopo Giulia Arena e Clarissa Marchese, dunque, anche Alice ha fatto tappa in Canada, ospite di Ribkoff, marchio internazionale di abbigliamento femminile. Ed è proprio qui che, venerdì scorso, l’abbiamo intervistata.

Alice, come ci si sente a portare la corona di Miss Italia? “La mia vita è cambiata totalmente: prima ero una semplice studentessa e giocavo a basket, quindi tutto l’inverno ero impegnata tra scuola e campetto; ora, invece, giro tutta l’Italia e non sono mai a casa. Per fortuna mi sono diplomata a luglio”.

Com’è nata l’idea di partecipare al concorso? “Miss Italia rappresenta un importantissimo trampolino di lancio per entrare nel mondo della moda e dello spettacolo. Vorrei diventare attrice, anche se non escludo di fare la modella”.

Il mondo del cinema ti affascina. “Sì, mi piacerebbe interpretare film comico-romantici, non strappalacrime ma divertenti. Magari con Raul Bova, perché da piccola l’ho incontrato e ci ho fatto la foto. Andrebbe bene anche come sua sorella!”.

Sei una paladina dell’ambiente e degli animali. “Adoro gli animali, ho 4 cani, un gatto e un coniglio a casa. Da piccola prendevo tutti i cani del canile e li portavo tutti a casa, facendo arrabbiare la nonna”.

So che in cucina sei una buongustaia. “Mi piace mangiare le cose buone, poi i nonni hanno un ristorante e quindi pranzo sempre da loro: mi sono trattata molto bene! I miei piatti preferiti sono le lasagne al forno, le fettine impanate e le patate al forno, che la mia bisnonna prepara la domenica. Io mi diletto a preparare qualche dolce”.

Chi è Alice Sabatini? “C’è il pregiudizio secondo cui Miss Italia sia solo forma e niente sostanza, invece Alice è una ragazza di 19 anni, che inseguiva un sogno ed è riuscita a realizzarlo. Ora inizia il lavoro più duro. Sono una ragazza come tante, non sono fuori dal comune, non sono diversa dalle altre, resto una persona semplicissima, che ci ha provato ed ha vinto mettendoci tutto l’impegno possibile”.

Ti sei presa una rivincita con le “Iene”, dopo la gaffe sulla seconda guerra mondiale, dimostrando che tutti quelli che ti hanno giudicata non sono poi così ferrati sulla storia. “È molto facile giudicare dietro uno schermo. Mi sono presa una rivincita, sì, ma volevo solo far capire alla gente che davanti ad una telecamera anche chi si sente più preparato può trovarsi in difficoltà. Mi sono annoiata di queste polemiche: è vero, ho fatto una gaffe, però non credo che la gente si debba accanire contro di me. Ho 19 anni e non mi fa piacere sentire tutte queste critiche. Alla fine ho sbagliato ad esporre il concetto, ma non ho sbagliato a dire che nel ‘42 c’è stata la guerra, quindi alla fine non è vero che non so la storia”.

Cosa mi dici di Montréal? “È la mia prima volta, ma non vedo l’ora di scoprirla, così come non vedo l’ora di conoscere i tantissimi connazionali che vivono all’estero. Vorrei sapere i motivi per i quali hanno lasciato l’Italia: sono curiosa di ascoltarli e capire cosa fanno, da quanti anni sono in Canada. So che in tanti hanno avuto successo ed è una cosa meravigliosa; anche se, come Miss Italia, mi dispace che oggi moltissimi ragazzi siano costretti ad andare all’estero”.

L’Italia non sembra curarsi troppo dei suoi giovani e continua a lasciarli partire. “È un peccato perché poi i meriti se li prendono i Paesi esteri. In Italia dovremmo puntare di più sui giovani. Spero che qualcosa cambi presto, perché alla fine il futuro siamo noi giovani”.

Sei un modello di successo per tanti giovani, anche qui all’estero. “Nella vita bisogna essere determinati, sicuri di ciò che si fa, metterci tutta la voglia, e anche se all’inizio si fanno sacrifici e non è per niente semplice, alla fine la fatica viene sempre ripagata”.

Un messaggio agli italiani nel mondo. “Mi dispiace che sono partiti, però sono felicissima per loro, perché hanno avuto successo tenendo alta la bandiera italiana”.