Italiani all’estero, Giacobbe (Pd) visita Fondazione Museo Nazionale dell’Emigrazione Italiana

"Credo che se vogliamo rendere il museo davvero un punto di riferimento storico dell'emigrazione italiana ognuno di noi debba mettersi a disposizione, facendo la propria parte”

Sen. Francesco Giacobbe

La quinta tappa di “Avvicina”, l’indagine conoscitiva sul campo oltre il PNRR, portata avanti dal gruppo dei senatori del Partito Democratico, ha visto come protagonista la città di Genova. Il Senatore del Pd eletto all’estero Francesco Giacobbe assieme alla Presidente del gruppo Simona Malpezzi ed altri colleghi, nell’ambito dei vari incontri istituzionali, hanno fatto visita alla Fondazione Museo Nazionale dell’Emigrazione Italiana.

“L’incontro con l’amministratore unico il dottor Pierangelo Campodonico è stato proficuo – dichiara Giacobbe – abbiamo avuto la possibilità di approfondire lo stato dell’arte della messa in opera del Museo e i progetti futuri. “Spero che il museo possa diventare un laboratorio di studio e approfondimento dell’esperienza dell’emigrazione così come è stata vissuta dai noi concittadini emigrati in tutto il mondo – ha aggiunto Giacobbe -. Temi come i processi di integrazione, imprenditorialità, multiculturalismo, meritano di essere approfonditi anche perché queste esperienze ci hanno visti protagonisti attivi nei Paesi di adozione”.

“Credo che se vogliamo rendere il museo davvero un punto di riferimento storico dell’emigrazione italiana ognuno di noi debba mettersi a disposizione, facendo la propria parte. Dalle nostre esperienze l’Italia può e deve trarne beneficio e vantaggio per la risoluzione di talune problematiche presenti in ambito migratorio e per un ulteriore sviluppo e promozione del Made in Italy nel mondo nonché dell’interscambio economico”, conclude Giacobbe.