Gli italiani di Santo Domingo: ‘grazie Merlo, grazie MAIE’ (FOTO)

L'On. Ricardo Merlo, presidente del MAIE, incontra a Boca Chica un gruppo di italiani residenti nella Repubblica Dominicana - agosto 2016

“Dopo gli incontri svolti dall’On. Ricardo Merlo, fondatore e presidente del MAIE, qui nella Repubblica Dominicana, sto ricevendo tanti messaggi da parte di connazionali che attraverso la mia persona desiderano ringraziare il deputato eletto all’estero per l’attenzione che ha dimostrato nei loro confronti e nei confronti delle loro problematiche; lo ringraziano per essersi preso la briga di essere venuto qui sul territorio, per ascoltarli e guardarli negli occhi, per dare risposte quando possibile e per assicurare il proprio sostegno nella battaglia che riguarda la riapertura dell’Ambasciata d’Italia a Santo Domingo”. Così Ricky Filosa, coordinatore del MAIE Centro America e Caraibi, che ha accompagnato Merlo durante tutti i suoi incontri istituzionali e politici.

MERLO A BOCA CHICA, "LA BATTAGLIA PER L’AMBASCIATA CONTINUA"

“Email, messaggi su Facebook e Whatsapp, telefonate. Davvero molte – prosegue Filosa, residente proprio a Santo Domingo – le persone colpite dalla visione culturale e politica di Merlo e del MAIE. Le parole sono quasi sempre le stesse: siamo davvero contentissimi di avere partecipato agli incontri e di avere conosciuto l’onorevole, ringrazialo da parte nostra per il suo impegno. Questo è ciò che mi dicono gli italiani della RD. Che inoltre ringraziano anche la squadra del MAIE RD, con Flavio Bellinato, Michele Cerchiara, Armando Tavano, Federico Floris, Anna Maria D’Onofrio e tanti altri. Alcuni di loro sono venuti da lontano: da Nagua, come Daniele Bertozzi. E altri italiani sono arrivati persino da Las Terrenas, a spese loro, per la voglia di esserci. Dunque alla fine siamo noi, cari italiani, che vi ringraziamo, per la vostra partecipazione e il vostro calore”.

CASA D’ITALIA, COMITES, CONFERENZA STAMPA, FUNGLODE: LA GIORNATA

“Se a uno su cento piace giocare all’antipolitica, gli altri 99 hanno capito molto bene che senza partecipazione vera e senza impegno costante e concreto non si portano a casa i risultati. Spesso chi critica – conclude Filosa – è il primo a non far nulla perché le cose migliorino. La battaglia per la riapertura dell’Ambasciata d’Italia a Santo Domingo continua”.