Fedriga (Lega): ‘terroristi arrivano coi barconi’. Scontro con Boldrini (VIDEO)

"Se Renzi non verrà a riferire – oggi stesso – in aula sulle infiltrazioni terroristiche sui barconi, dopo l’arresto del terrorista del Bardo, a Milano, la Lega utilizzerà tutti i mezzi a sua disposizione per obbligare il governo a relazionare in aula e a prendere provvedimenti seri e di emergenza contro il rischio estremista importato in questo Paese". Così il capogruppo leghista alla Camera Massimiliano Fedriga dopo l’arresto di Touil Abdelmajid, ritenuto uno degli attentori del Bardo.

"Il governo – ha aggiunto Fedriga – se la svigna dall’aula, per paura di dover dare risposte, dopo aver accolto con sorrisi e insulti le denunce della Lega. L’incoscienza e la leggerezza del governo sono colpevoli e rischiano di essere complici del terrorismo. Subito stop agli arrivi, blocco delle frontiere, più controlli e più risorse alle forze dell’ordine".

Ancora sul marocchino di 22 anni arrestato dalla Digos di Milano a Gaggiano (Milano) ritenuto l’attentatore del Bardo e arrivato in Italia su un barcone: “Non c’e’ alcun tipo di controllo, i confini sono un colabrodo: Renzi sta facendo invadere il Paese dai criminali. Le nostre denunce sono rimaste colpevolmente inascoltate per mesi, ma i fatti hanno sbugiardato il premier e Alfano. Ora stop alle partenze e al buonismo".