Elezioni Comites, Giacobbe (Pd): “Non ci sarà un’ampia partecipazione al voto”

"L'esercizio della democrazia non può essere soddisfatta esclusivamente dall'agevolare passaggi formali elettorali. La democrazia è garantire la più ampia partecipazione. Credo che in questo passaggio delle elezioni dei Comites ciò non avverrà"

Francesco Giacobbe, senatore del Pd eletto all’estero, è intervenuto in occasione della prima giornata di lavori del Comitato di Presidenza del Consiglio Generale degli italiani all’estero; giornata che ha visto la presenza del Sottosegretario agli Esteri con delega per gli Italiani nel Mondo Benedetto Della Vedova, al quale è stata affidata la relazione di Governo.

Giacobbe durante il suo intervento ha parlato soprattutto delle prossime elezioni Comites: “Da più parti abbiamo chiesto fino all’ultimo un rinvio delle elezioni – dichiara il senatore -, avremmo avuto finalmente la possibilità di aprire una discussione ampia e vera su una riforma degli organismi di rappresentanza”.

“Ad oggi ancora in molti Paesi ci sono forti limitazioni a causa della Pandemia, la rete consolare in questi mesi per garantire un esercizio democratico del voto si è trovata a gestire una situazione per certi versi surreale”.

Inversione dell’opzione, email informative su inversione dell’opzione inviate a parte dei nostri concittadini, ad una fascia di cittadini che hanno accesso ai nuovi sistemi informatici, non sicuramente tutti: questi solo alcuni dei problemi segnalati già da tempo dal senatore.

“L’esercizio della democrazia non può essere soddisfatta esclusivamente dall’agevolare passaggi formali elettorali. La democrazia è garantire la più ampia partecipazione. Credo che in questo passaggio delle elezioni dei Comites ciò non avverrà”.

Il Senato nelle prossime settimane sarà impegnato con l’approvazione della legge di Bilancio. Il Senatore ha ribadito il suo impegno e quello del gruppo del Partito Democratico affinchè si possano destinare risorse e adottare politiche per le comunità degli Italiani nel Mondo.

“Con l’approvazione della prossima legge di Bilancio e l’implementazione del Piano di Ripresa e Resilienza, abbiamo l’opportunità per uscire dal guado della crisi economica legata alla pandemia. Un maggiore coinvolgimento delle nostre Comunità non può che far bene all’Italia. Per promuovere l’Italia ed il Made in Italy nel mondo, per stabilire sempre più frequenti occasioni di visitare l’Italia e per attrarre investimenti nel nostro Paese”, ha sottolineato Giacobbe.