COVID | Dal Messico vaccini a Honduras, El Salvador, Guatemala

“Se esigiamo l'accesso universale ai farmaci e la distribuzione equa, dobbiamo agire di conseguenza", spiegava il ministro degli Esteri Marcelo Ebrard

Il governo del Messico ha donato nuove dosi del vaccino Astrazeneca contro la Covid-19, prodotte in patria, a tre Paesi dell’America centrale. L’iniziativa, parte di un progetto di solidarieta’ regionale voluto dal presidente Andres Manuel Lopez Obrador, coinvolge Guatemala e Honduras, cui vanno 150 mila dosi ciascuno, ed El Salvador (100mila dosi).

Sul tema del contrasto al Coronavirus “il Messico agisce in modo coerente rispetto alla sua impostazione: se esigiamo l’accesso universale ai farmaci e la distribuzione equa, dobbiamo agire di conseguenza”, spiegava il ministro degli Esteri Marcelo Ebrard annunciando a inizio settimana l’operazione.

“Visto che abbiamo ricevuto vaccini da sette paesi, se lo stiamo invasando grazie al principio attivo sviluppato in Argentina, il Messico deve essere coerente”, ha aggiunto il ministro.

A meta’ giugno le autorita’ messicane avevano gia’ inviato dosi di vaccino in Paraguay, Bolivia e Belize. In totale Messico e Argentina si sono impegnati a produrre e inviare nella regione 250 milioni di dosi del prodotto.