Chiude Hotel des Palmes a Palermo, luogo di intrighi e misteri

L’ultimo mistero lascio’ l’hotel delle Palme di Palermo dentro una bara. Era il 6 aprile 1998 e il personale dell’albergo, di cui Acqua Marcia ha annunciato la chiusura entro gennaio a causa della crisi, era schierato nella hall per dare il commosso saluto al barone Giuseppe Di Stefano morto a 92 anni nella costosa suite 204 dove aveva trascorso per 50 anni un esilio dorato.

I giornali descrissero con toni accorati quell’ultima pagina di gloria di un albergo che non e’ stato solo un teatro della vita per tanti personaggi del mondo dell’arte e dello spettacolo. Questo sontuoso edificio liberty, che chiude i battenti forse temporaneamente sotto i colpi della crisi, e’ stato anche il crocevia di intrighi del potere, trame della mafia, scandali della politica, avventure di personaggi stravaganti. Costruito nel 1874 come residenza della famiglia aristocratica inglese Ingham-Whitaker, divento’ nel 1881 la storica dimora dove Richard Wagner termino’ il suo "Parsifal".

Nel 1907 l’edificio venne ceduto al cavaliere Enrico Ragusa che lo fece diventare un simbolo della Belle Epoque dopo una trasformazione progettata da Ernesto Basile, caposcuola del liberty siciliano, impreziosita da marmi, specchi, arredi, statue e sale con soffitti intarsiati. Subito divenne il luogo del fascino e del lusso: la leggenda rimanda ancora il racconto delle cene con 12 portate organizzate da Vittorio Emanuele Orlando, il presidente della Vittoria. Poi comincio’ la lunga stagione dei misteri. Quello della fine di Raymond Roussel nel 1933, trovato morto dissanguato nel bagno della sua camera, intrigo’ tanto Leonardo Sciascia che ne ricavo’ un libro in cui mette in discussione la tesi ufficiale e sbrigativa di un suicidio.

Nel 1943 l’hotel delle Palme, nato con il pretenzioso nome francese di Grand hotel et des Palmes in armonia con il clima aristocratico del tempo, venne requisito dalla Marina americana e divento’ il centro direzionale di operazioni di intelligence ma anche di relazioni opache con personaggi della mafia siculo-americana. Qui Vito Genovese incontrava Charles Poletti, capo degli affari civili dell’amministrazione militare alleata. E qui sarebbe venuto, nel 1946, appena espulso dagli Stati Uniti come "indesiderabile", il boss Lucky Luciano in compagnia della giovane amante Virginia Massa. Luciano sarebbe tornato nel 1957 per partecipare al vertice della mafia che decise i suoi nuovi assetti mondiali e l’eliminazione di Albert Anastasia.

In una sala dell’hotel si ritrovarono con Luciano anche personaggi del calibro di Joe Bananas, Carmine Galante, Santo Sorge, Frank Garofalo, Vincenzo Rimi, Cesare Manzella, Rosario Mancino. L’ombra della mafia si allunga anche sulla scelta del barone Di Stefano di ritirarsi nel lusso di una suite per mezzo secolo: forse era il viatico per sfuggire a un misterioso ricatto. Tra gli anni Cinquanta e Sessanta le sale dell’hotel sono state testimoni delle trame della politica culminate con la caduta del governo autonomista di Silvio Milazzo. La crisi esplose quando un deputato Dc, Carmelo Santalco, porto’ in aula la registrazione, fatta in segreto in una stanza dell’albergo, di un colloquio per la compravendita di un voto di fiducia. Da quel momento alle "Palme" prese il sopravvento una folla di personaggi dell’arte come Renato Guttuso e Giorgio De Chirico, del teatro come Tino Buazzelli e del mondo dorato del cinema come Vittorio Gassmann, Francis Ford Coppola, Al Pacino. Non passavano inosservati. E spesso lasciavano tracce nei ricordi del barman Toti Librizzi e della cronaca rosa. Ma anche quella stagione era ormai finita da un pezzo insieme con il crepuscolo dei suoi protagonisti.