‘Prima Repubblica’, Mirko Crocoli e la sua passione per il Novecento

Continua la bella avventura letteraria di Mirko Crocoli già in distribuzione con la pubblicazione XX SECOLO – PER NON DIMENTICARE. Questo nuovo ed interessante volume ci porta all’interno di uno spazio temporale di quasi mezzo secolo; dalla creazione della nostra carta costituzionale alla caduta dei principali partiti politici formatisi nell’immediato dopoguerra.

Dentro questo lungo periodo denominato “Prima Repubblica” c’è un po’ tutto;  date, nomi, avvenimenti, criminalità, intrighi internazionali, politica e momenti ben precisi che hanno segnato la vita del nostro Paese. E’ inevitabile raccontarli in maniera diretta, concreta e talvolta cruda. Non fronzoli come per i romanzi d’amore, ma realtà pura, senza particolari eufemismi. Una dissertazione intensa, un tuffo nel passato che ci riporta agli anni che molti di noi hanno vissuto in prima persona.

Storia delle mafie, bande armate, anni di piombo, stragismo, la lunga era Andreotti, tutti gli uomini del Quirinale e non poteva mancare la delicata vicenda di Mani Pulite. Semplice e chiaro nei concetti, con stile scorrevole ed avvincente non manca di personali riflessioni, talvolta pungenti, ma sinceri. Una narrazione didattica molto dettagliata e ben strutturata. Prima Repubblica è questo e molto altro. 8 capitoli e 33 sottocapitoli in 275 pagine di pura storia che sono un vero concentrato di sapere e desiderio di non dimenticare.

L’autore, nella prima metà del suo lavoro, da ampio spazio alla criminalità organizzata, all’eversione di matrice trasversale e alle bande armate che per un ventennio hanno insanguinato la penisola. Poi, lentamente, ci trasporta nel difficile contesto della politica di quegli anni, con l’eterna sfida tra DC-PCI e nella più ampia visione della Guerra fredda. Non mancano naturalmente riferimenti precisi alla CIA, al KGB e alla contrapposizione viscerale tra le agenzie d’intelligence di tutto il mondo; fulcro essenziale di un’era post bellica piuttosto critica. In un solo libro cinquant’anni di nostra vita e in un secolo tutt’altro che monotono.

Dai preistorici moschetti agli “intercontinentali” degli anni Ottanta, dagli scontri in trincea allo spionaggio satellitare, un’evoluzione che ha cambiato totalmente il nostro modo di vivere e che vede la nascita proprio nella discussa e controversa stagione del secondo Novecento. La sconfinata passione del Crocoli per la storia moderna è palesabile non solo dai suoi libri che – ad onor del vero – stanno avendo un bel riscontro di critica e pubblico sul mercato nazionale – ma anche e soprattutto dalle numerose collaborazioni con diverse testate giornalistiche Italiane ed estere, dalle quali escono settimanalmente pagine e pagine non solo di piacevoli ricordi ma anche di nuove ed inesauribili informazioni, talvolta trascurate! Da non perdere.