Presidente Mattarella in Canada, “orgoglioso dei nostri italiani all’estero” [VIDEO]

Il capo dello Stato, tra i vari impegni istituzionali, dedicherà tempo agli incontri con i connazionali. A Ottawa: "Ringrazio molto voi e l'intera comunità di Ottawa e del Canada per la generosità manifestata e praticata in occasione del terremoto che nei mesi scorsi ha colpito il Centro Italia”

Sergio Mattarella, presidente della Repubblica Italiana, è in questi giorni in visita istituzionale in Canada. David Johnston, governatore generale del Canada, che ha ricevuto il capo dello Stato, durante la cerimonia di benvenuto ha sottolineato quanto sia “profonda” la “comunanza di visione e dedizione nei confronti dello sviluppo e della conoscenza” e ha definito la visita dell’inquilino del Quirinale “una magnifica occasione per rafforzare i rapporti ed intensificare il partenariato”.

Il presidente Mattarella da parte sua ha parlato di un “rapporto di grande vicinanza, amicizia e collaborazione fra i due Paesi”; il viaggio di Mattarella, che si svolge in concomitanza con i 70 anni dall’avvio delle relazioni diplomatiche tra Roma ed Ottawa e, soprattutto, i 150 anni della creazione del Canada, parla chiaro.

“Canada e Italia coltivano gli stessi obiettivi e gli stessi valori condivisi”, ha aggiunto Mattarella, “cioe’ la pace, la liberta’, la solidarieta’ e la cooperazione internazionale”. Questo in un rapporto “molto forte nel presente e proiettato nel futuro”.

Mattarella, durante il suo incontro con la comunità italiana a Ottawa, capitale federale del Canada, ha ringraziato i connazionali per il sostegno che hanno dato, anche in termini economici, alle popolazioni colpite del terremoto del Centro Italia.

“Ringrazio molto voi e l’intera comunità di Ottawa e del Canada – ha detto – per la generosità manifestata e praticata in occasione del terremoto che nei mesi scorsi, nel corso dell’anno passato e nei primi di quest’anno, ha colpito duramente alcune regioni centrali dell’Italia. Il contributo di simpatia, di sostegno, di solidarietà, il contributo di risorse finanziarie, che dal Canada è giunto è stata una prova di sensibilità, di amicizia, di senso di affetto per l’Italia e di solidarietà per le persone colpite dal terremoto. È stata una grande manifestazione di impegno solidale e ve ne sono grato, ve ne è grata l’intera Italia”.

Secondo Mattarella il Trattato Ceta di libero scambio tra il Canada e l’Unione Europea – che ha avuto il via libera oggi dalla Commissione esteri del Senato – è “un grande passo avanti di collaborazione concreta ed è importante per l’economia del Canada e della Ue”.

Alla National Gallery of Canada l’inquilino del Quirinale ha incontrato la comunità italiana presente nella circoscrizione consolare di Ottawa. “Tutta la comunità italiana – ha evidenziato in questa occasione Mattarella – contribuisce in maniera importante alla vita del Canada e questo e’ un elemento che accompagna l’amicizia tra i nostri paesi. Non posso non ricordare la consapevolezza dei grandi sacrifici che coloro che sono giunti qui, emigrando dall’Italia, hanno affrontato, della grande tenacia con cui si sono impegnati e del successo che hanno saputo conseguire”. “Questo e’ stato un contributo alla crescita del Canada, ma anche alla crescita del prestigio dell’Italia. Per noi e’ motivo di orgoglio”.

L’AGENDA del Presidente

Mercoledì 28 luglio: trasferimento al Parliament Hill per colloquio con primo ministro, Justin Trudeau, e incontro con Speaker del Senato, George Furey, e Speaker della Camera dei Comuni, Geoff Regan.

Partenza per Montréal,  colloquio nel pomeriggio con il primo ministro del Québec, Philippe Couillard.

Incontro con la collettività italiana alla Casa d’Italia.

La visita continuerà a bordo della nave “Amerigo Vespucci” attraccata al porto di Montreal per i 375 anni dalla fondazione della città. Nell’occasione il Sindaco Denis Coderre consegnerà al Presidente Mattarella le chiavi della metropoli del Québec.

Giovedì 29 giugno: partenza per Toronto la mattina presto. All’arrivo, visita al Centro Organizzativo Scuole Tecniche Italiane, una realtà assai conosciuta che da oltre 60 anni offre servizi sociali alle comunità di emigranti.

Colloquio con il Primo Ministro dell’Ontario, Kathleen Wynne, nel pomeriggio. In serata l’incontro con la più numerosa Collettività italiana che conta più 70.000 iscritti all’AIRE.

Venerdì 30 giugno: trasferimento a Vancouver già in mattinata. Incontro con Governatore della British Columbia, Judith Guichon.

Pomeriggio: visita al Centro di Ricerca Triumf, laboratorio nazionale canadese per lo studio delle particelle e della fisica nucleare.

Incontro con la collettività italiana al Centro Culturale Italiano. Nel pomeriggio del 1° luglio il Presidente Mattarella ripartirà per Roma.

Comments