Settimana tra i giovani italiani degli Usa per Fucsia Nissoli

“E’ stata una settimana intensa di incontri con giovani pieni di speranza e di amore per l’Italia; momenti belli di umanità e politica”

Questa settimana Fucsia Nissoli, deputata eletta nel Nord e Centro America, ha incontrato molti giovani di varie Comunità italiane presenti in Usa. A Seattle, assieme al Console onorario Franco Tesorieri, fondatore del centro culturale “Il Punto”, l’on. Nissoli ha incontrato i giovani ricercatori italiani che lavorano nel polo tecnologico della zona.

“Una Comunità – ha detto l’on. Nissoli – vivace e che potrebbe dare tanto all’Italia, a cominciare da quei giovani che hanno lasciato la terra d’origine per fare un’ esperienza all’avanguardia nella terra dell’information technology, qui in Usa”.

Durante la visita a Seattle, l’on. Nissoli ha incontrato, presso il centro culturale Il Punto, una consigliera dei Comites di San Francisco, la dottoressa Francesca Morabito. Invece, all’Università dell’Alabama, l’on. Nissoli, parlando delle politiche per gli italiani all’estero, ha detto: “Voglio realizzare il sogno di una Italia che consideri gli italiani all’estero cittadini a tutti gli effetti e sto lavorando per questo, con fatica ma senza perdermi d’animo, a cominciare dalla battaglia per il riacquisto della cittadinanza per chi, andato all’estero, l’ha perduta”.

Invece, per quanto concerne il Progetto “Cervelli in Viaggio”, promosso da Massimo Veccia, che ha concluso, questa settimana, la sua fase americana a New York, l’on. Nissoli ha ricordato che tale Progetto formativo “aiuta i giovani ad entrare preparati sia nel mondo dell’impresa che si affaccia ed opera nei contesti internazionali sia ad apportare in contesti produttivi italiani un bagaglio di best practice che può essere utile per il miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza delle strutture aziendali”.

“E’ stata una settimana intensa di incontri – ha riassunto l’on. Nissoli – con giovani pieni di speranza e di amore per l’Italia; momenti belli di umanità e politica che mi danno la forza di lavorare con ancora più convinzione per il mio Paese, il Paese che noi tutti italiani all’estero portiamo sempre nel cuore, in qualsiasi contesto”.