Salvini: “Opposizioni ridicole, in manovra oltre 20 miliardi nelle tasche degli italiani”

“Decine di sorrisi e di strette di mano mi ripagano di tutto l'impegno, e mi fanno dimenticare tutti gli insulti e le bugie di Renzi, Boldrini e compagni vari”

Matteo Salvini non ci sta a farsi mettere sotto dall’opposizione nel dibattito politico che ruota intorno alla legge di bilancio. “Ridicole le opposizioni che contestano una manovra economica che rimette nelle tasche degli italiani più di 20 miliardi di euro”, dichiara il vicepremier e ministro dell’Interno, che poi osserva: “Gli Italiani non hanno nostalgia di Monti, Renzi e Fornero, avanti tutta!”.

Salvini tira dritto: “Decine di sorrisi e di strette di mano, a passeggio in mezzo alla gente, mi ripagano di tutto l’impegno, e mi fanno dimenticare tutti gli insulti e le bugie di Renzi, Boldrini e compagni vari”.

In una lettera alla Gazzetta dello Sport, poi, al termine della 19esima giornata, che ha visto una sassaiola contro un pullman di tifosi del Torino, Salvini è tornato a parlare della violenza nel mondo del calcio: “Lo ribadisco, tolleranza zero con i delinquenti, ma sono nettamente contrario alla chiusura degli stadi o di alcuni settori. E non mi convincono neppure i divieti alle trasferte. La responsabilità è sempre personale: non concepisco l’idea di punire tutti gli appassionati, senza distinzioni. Anche perché i violenti sono una sparuta minoranza”. Dunque “il mio impegno è portare legalità e rispetto, con la speranza di riempire le tribune e non di svuotarle”.