Natale, a Firenze ogni famiglia spenderà 250 euro per i regali

A Firenze per le strade c’è aria di festa, ma dentro i negozi almeno per ora non si brinda. Lo sottolinea Confcommercio in occasione dello shopping natalizio. Si spende per i giocattoli e per l’elettronica. Per il resto, si opta per il classico ‘pensierino’: piccoli oggetti per la casa, intimo, qualche idea da catturare in profumeria e, sul versante dell’abbigliamento, soprattutto guanti e sciarpe.

Insomma, i ‘regali importanti’ sono un ricordo del passato. Del resto, i dati di Confcommercio Firenze dicono che tra Ici, Imu e Tari la tredicesima disponibile per i consumi verrà erosa del 3,6%. E che la parte effettivamente destinata agli acquisti natalizi sarà inferiore del 3,2%. Alla fine, si tratta di 41 euro in meno a famiglia.

Cala anche la propensione all’acquisto (ora all’85,2%, contro l’85,8% dello scorso anno). Mediamente, Confcommercio Firenze calcola che ogni famiglia fiorentina spenderà 250 euro per i regali. Sorridono da Dreoni giocattoli, storico negozio della città: ”Per ora sta andando meglio di un anno fa. Lo scontrino medio si attesta sui 40-50 euro. Vanno molto i droni, gli elicotteri radiocomandati. E ancora i puzzle 3D e gli animali interattivi. Prosegue poi l’ondata Peppa Pig, “anche se la richiesta sta un po’ calando”, dicono dal famoso negozio di via Cavour.