Italiani all’estero, a Zurigo il rilancio del Polo scolastico italiano

E la Casa d'Italia - che ospiterà anche il Consolato Generale, l'Istituto Italiano di Cultura e la sede del Com.It.Es. - si avvia a diventare una "vetrina" dell'italianità contemporanea

Al Consolato generale d’Italia a Zurigo, Svizzera, si è svolto ieri un incontro dedicato alle scuole italiane presenti nella Regione.

L’iniziativa si inquadra nella strategia di consolidamento e rilancio del Polo scolastico perseguita dallo Stato italiano e ha voluto mostrare l’impegno profuso nell’accrescere la qualità dell’offerta formativa, affinché le Scuole italiane possano diventare punto di riferimento anche per l’utenza italo-svizzera e svizzera.

Al meeting hanno partecipato il vicesindaco di Zurigo Filippo Leutenegger, il Direttore del Cantone Martin Kull, il rappresentante del Gruppo automobilistico “FCA-Switzerland SA” Federico Berra; da Roma è arrivato, proprio per l’occasione, anche il Direttore della Promozione culturale del Ministero degli Affari Esteri, Roberto Vellano.

Presenti all’incontro, inoltre, diversi rappresentanti della comunità italiana, oltre a giornalisti e genitori di studenti.

L’obiettivo per tutti resta quello di rilanciare il Polo scolastico italiano. Di grande importanza è la decisione del Gruppo automobilistico “FCA-Switzerland SA” di istituire, già per il corrente anno scolastico, delle Borse di Studio in favore degli studenti più meritevoli di tutte le Scuole, nei diversi gradi del ciclo formativo, dall’Infanzia ai Licei.

Nel corso dell’incontro è stato precisato che nelle prossime settimane verrà presentato al Comune di Zurigo il progetto architettonico, per l’approvazione da parte delle Autorità cittadine. La conclusione dei lavori è prevista per il 2021.

La Casa d’Italia – che ospiterà anche il Consolato Generale, l’Istituto Italiano di Cultura e la sede del Com.It.Es. – si avvia a diventare una “vetrina” dell’italianità contemporanea che affonda le proprie radici ideali nella ricca tradizione dell’emigrazione italiana in Svizzera.