Italiani all’estero, Menia (CTIM): ‘Columbus Day segno dell’orgoglio italiano’

Columbus Day Parade

“Cristoforo Colombo scopriva un nuovo mondo cercando le Indie ad Occidente. In quella scoperta c’erano coraggio, tenacia, virtù, civiltà. Questa festa è il segno dell’orgoglio di chi testimonia le sue radici profonde di italianità, che sono poi i valori comuni dell’Occidente”. Queste le parole del segretario generale del Ctim, Roberto Menia, al termine della prima Columbus Parade di Dallas, in cui ha sfilato con la fascia di Grand Marshal ed al cui termine è stato insignito di un riconoscimento da parte dello Stato del Texas consegnatogli dall’On. Tan Parker.

Mentre a Seattle il Columbus day viene sostituito da una non meglio precisata festa dei nativi, ed altri stati fanno altrettanto, in Texas invece si è inteso ribadire il valore autentico della giornata dedicata al grande navigatore italiano. Anzi, la giornata ha aperto il mese che lo stato del Texas ha dedicato all’Italian American Heritage.

Vincenzo Arcobelli, coordinatore del Ctim Nord America e organizzatore dell’evento, ha sottolineato nel suo intervento il valore di questo riconoscimento e nell’orgoglio dell’italianità e dei grandi italiani che hanno legato il loro nome all’America e’ “volato” da Cristoforo Colombo a Italo Balbo.

Sono stati premiati poi dal Ctim il rappresentante dello stato Parker, la vice sindaco Alonso, tre poliziotti distintisi in azioni di solidarietà verso italiani. Splendida la cornice dell’evento, con un tripudio di bandiere a stelle e strisce e tricolori d’Italia, rappresentanze militari italiane e americane, bande, amazzoni e cavalieri, scuole, rappresentanze regionali degli italoamericani. Non potevano mancare le bandiere del Ctim. Nella parata il blocco era guidato dal valente Valter Della Nebbia, consigliere del CGIE.