Basket, Milano riparte da scudetto: il meglio deve venire

Vietato sentirsi appagati: con questo imperativo comincia la stagione l’Emporio Armani Milano che, dopo lo scudetto e i quarti di finale di Eurolega, riparte con 5 nuovi giocatori, l’obiettivo di ripetersi in campionato, fare il massimo in coppa ed entusiasmare di nuovo i propri tifosi. ‘The best is yet to come’, il meglio deve ancora venire e’ lo slogan sulle magliette sfoggiate da capitan Alessandro Gentile e compagni in occasione del vernissage che ha attirato circa 500 tifosi sul piazzale del Palalido, tutti assiepati intorno al trofeo dei campioni d’Italia.

"Questo scudetto non deve strapparcelo nessuno dalle maglie", ha detto ai tifosi coach Luca Banchi, che davanti ai giornalisti ha spiegato: "Passare da dover vincere al voler vincere da’ sensazioni piu’ piacevoli. C’e’ il rischio di peccare di sufficienza e sentirsi appagati. Ma chi e’ rimasto ha la voglia necessaria e chi e’ arrivato porta stimoli".

I volti nuovi sono MarShon Brooks, guardia di 25 anni proveniente dalla Nba, i playmaker Joe Ragland e Trent Meacham, l’ala grande lituana ex Nba Linas Kleiza e il centro Shawn James, campione d’Europa con il Maccabi Tel Aviv. Applausi per tutti, ma soprattutto per il capitano Alessandro Gentile. "E’ fantastico vedere questo entusiasmo – ha detto dal palco la guardia -, speriamo davvero che il meglio debba ancora venire".

Fra i punti interrogativi di questa stagione c’e’ Daniel Hackett, che fino ad aprile potra’ giocare solo le coppe dopo l’abbandono del ritiro azzurro. "Con la buona condotta spero di convincere chi di dovere a concedermi uno sconto – si e’ augurato Hackett -, sei mesi di squalifica sono un omicidio". Si e’ limitata a uno striscione polemico la protesta contro il presidente Proli e il gm Portaluppi da parte degli ultra’ dell’Olimpia, in rotta con la dirigenza da mesi.