Quagliariello (Ncd), sì a coalizione centrodestra con Berlusconi padre nobile

fotografo: IMAGOECONOMICA

II senatore e coordinatore di Ncd Gaetano Quagliariello, in una intervista al Giornale, apre a una nuova coalizione di centrodestra "purché non sia a trazione leghista" e apre al ruolo del Cavaliere come padre nobile dell’operazione: "Gli deriverebbe naturalmente da quello che ha rappresentato e da quello che ha fatto". "Mi sembra chiaro che il disegno di Renzi di mantenere l’elettorato di sinistra e sfondare in quello di centrodestra è fallito".

Poi riserva un attacco al Pd sulla legge Severino: "Serviva per far fuori Berlusconi poi il Pd s’è accorto che decapita un loro presidente di Regione e studia leggi ad personam". Sulla scuola inoltre precisa: "La battaglia è lunga. Per ora si è evitato che attraverso un testo confuso filtrasse l’ideologia odiosa del "gender", per la quale nasciamo tutti indeterminati per poi decidere sulla nostra sessualità".

Una battuta anche sul ddl Cirinnà: "Lo Stato non entri in camera da letto. Va bene riconoscere diritti a chi convive ma no ai simil-matrimoni. Il testo Cirinnà invece porta inevitabilmente alle adozioni e dunque all’utero in affitto. Noi diciamo assolutamente no".