Niente assegno mensile a Veronica Lario, ora deve restituire al Cav 60 milioni di euro

La decisione della Corte di Appello di Milano ha dato ragione al Cavaliere. L'assegno mensile era stato quantificato in 1,4 milioni di euro, mica bruscolini

Niente assegno mensile a Veronica Lario, che dovrà anzi restituire circa 60 milioni di euro all’ex marito Silvio Berlusconi. Questa la decisione della Corte di Appello di Milano ha dato ragione al Cavaliere in merito all’istanza sull’assegno di divorzio dovuto alla ex moglie Veronica Lario, che dovra’ quindi restituire quanto ricevuto a decorrere dal marzo 2014.

L’assegno mensile era stato quantificato in 1,4 milioni di euro, mica bruscolini. Ma i legali dell’uomo di Arcore, comunicando la sentenza, spiegano ora che quei quattrini non saranno più sborsati.

Da quanto e’ stato riferito e’ stata accolta la tesi del legale di Berlusconi, Pier Filippo Giuggioli, che gia’ prima del nuovo orientamento giurisprudenziale, poi applicato, aveva sostenuto l’autosufficienza economica di Veronica.

La perdita oggi, dell’assegno divorzile, e’ l’ultimo atto di una lunga battaglia legale che ha visto contrapposti Silvio Berlusconi e Veronica Lario. Una lunga storia di scaramucce nei tribunali di Milano e Monza, dopo un matrimonio durato 27 anni.