Meteo, a Natale e Santo Stefano tanto sole: l’inverno italiano che non c’è

Il robusto campo di alta pressione, che impera sull’Italia ormai da quasi un mese, perdurerà almeno fino alla fine dell’anno. Le previsioni del tempo per il giorno della Vigilia, il Natale, Santo Stefano e domenica 27 dicembre, avranno la caratteristica tipica della presenza dell’alta pressione invernale, quindi con nebbia sulle principali pianure, sole al Centro-Sud e sui rilievi, caldo anomalo ove soleggiato e inquinamento atmosferico alle stelle.

Vigilia di Natale con bel tempo generale, sole al Centro-Sud, pioggia anche moderata in Liguria e pioviggine sparsa sulla Pianura Padana ove ci sarà presenza di nebbia, anche persistente per tutto il giorno. La giornata di Natale sarà soleggiata al Centro-Sud e sui rilievi italiani. Ancora nebbia al Nord e locale anche al Centro, possibile anche a Roma. Piogge molto deboli in Liguria. Sabato 26 dicembre giornata soleggiata, rare piogge, ma ancora nebbia sulle principali pianure italiane, mentre domenica 27 sarà sempre la nebbia a dimorare sulle principali pianure italiane, il sole a dominare il Centro-Sud e le Alpi.

Un accenno allo Smog, che aumenterà di giorno in giorno. Secondo una recente indagine a livello nazionale, mezza Italia è senza respiro per colpa dello smog: Milano, Torino, Roma, Napoli hanno superato (da inizio 2015) più volte la soglia dei 35 giorni consecutivi con concentrazioni elevate di polveri sottili. La città in assoluto più inquinata d’Italia è Frosinone, con i suoi 101 giorni consecutivi. E il tempo non cambierà nemmeno per la fine dell’anno e l’inizio del nuovo. L’alta pressione però subirà uno spostamento, ossia si innalzerà e ruoterà verso la Russia, favorendo la discesa di aria gelida proprio da Est, ma a tutt’oggi, tutto il gelo dovrebbe raggiungere la Grecia e sfiorare solamente il tacco d’Italia.