Il vino parla sempre più la lingua delle donne

In Europa il 47% dei clienti che acquistano vino online e’ donna, tra i 30 e i 40 anni; in Italia, la percentuale si assesta al 39% con un trend costante di crescita. E’ quanto emerge dalla ricerca Survey Lab di vente-privee, che analizza le preferenze dei soci del sito in fatto di vino. Lo studio sara’ presentato al Fashioncamp, il 12 giugno a Milano, dal sito di vendite-evento online, e Masi Agricola, azienda vitivinicola leader mondiale nella produzione dell’Amarone, in occasione del debutto del vino ‘Rosa dei Masi’.

”Il vino ormai sta diventando sempre piu’ un prodotto in rosa – affermano i ricercatori – e nelle tendenze di acquisto offline le donne sono sempre piu’ protagoniste nella scelta e nell’acquisto della bottiglia che verra’ assaporata a tavola”.

Del resto la corrispondenza tra il pianeta rosa e il vino trova radici profonde scritte gia’ nel Dna del genere femminile: secondo lo studio inglese Sensory Science Tasting and Research Centre di Westerham nel Kent, le donne mostrano una vera predisposizione nei confronti di questo prodotto, probabilmente legata al ruolo di madri e alla necessita’ di annusare e assaggiare cio’ che poi verra’ dato ai figli; elementi che fanno delle donne delle assaggiatrici piu’ attente e con olfatto piu’ sensibile alle sfumature del vino stesso.

"Il vino parla sempre piu’ la lingua delle donne. Troviamo una corrispondenza accentuata tra i nostri prodotti e l’universo femminile, ed e’ per questo che da anni organizziamo in tutto il mondo eventi e incontri che mettano in contatto le donne con il mondo del vino. Non solo per imparare a degustarlo e conoscerlo a fondo, ma anche per creare una consapevolezza e aumentare un vero fattore di "self confidence" che passa anche dalla scelta del vino al ristorante" conclude la produttrice veronese Alessandra Boscaini.

Il 75% degli e-shopper di vino europei consuma vino almeno 2 volte a settimana (vs. 46% degli acquirenti tradizionali), preferendo le cene – nel weekend (74%) o in settimana (57%) – i pranzi nel fine settimana (46%) e le serate nel weekend (46%), a casa (96%) o al ristorante (86%) o ancora a casa di amici o in famiglia (82%).