Dentro Forza Italia si parla di successione, ma Berlusconi mica è morto

Silvio Berlusconi, in attesa di essere operato, è ancora ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano. Eleonora, l’unica dei cinque figli di Silvio Berlusconi che ancora non era stata vista al San Raffaele perché si trovava all’estero, e’ arrivata verso le 13,30 di domenica all’ospedale. La giovane, secondogenita nata dal matrimonio con Veronica Lario, e’ entrata al San Raffaele a bordo di un’auto, seguita da un’altra vettura su cui si trovava il fratello Luigi, accompagnato come ieri dalla fidanzata. Entrambi si sono poi diretti al reparto dove e’ ricoverato il padre.

Fuori dall’ospedale San Raffaele nelle scorse ore sono arrivati alcuni sostenitori di Forza Italia con bandiere tricolori, spille del partito al bavero della giacca e uno striscione con la scritta ‘Forza presidente, FI giovani è con te’. Hanno parlato con gli uomini della scorta del leader del partito e chiesto di far sapere a Berlusconi che sono lì a sostenerlo sotto le finestre del padiglione che ospita la sua stanza.

"Siamo venuti a sostenere il nostro presidente Berlusconi, per augurargli una buona guarigione, noi di Forza Italia dal ’94 e i giovani", ha detto Laura Cappella, militante da 22 anni. "Rappresentiamo anche le persone impegnate ai ballottaggi – ha aggiunto – forza presidente, sei un leone, guarisci presto. Ti aspettiamo".

Dentro Forza Italia intanto si ricomincia a parlare di successione al Cavaliere. "Non ho intenzione di sgomitare o di autoproclamarmi leader di alcunchè. Ho stima e affetto profondissimo per Berlusconi, non farei nulla senza concordarlo con lui, so che fine hanno fatto tanti suoi aspiranti successori: non sono nè così ingrato, nè così stupido. Lavoriamo tutti per un partito che sia vincente, evitiamo processi sommari o il ‘dagli all’untore’". Parole di Giovanni Toti, presidente azzurro della Regione Liguria, pronunciate in un’intervista al Corriere della Sera.

Ma davvero esiste un successore possibile di Silvio Berlusconi? Gianfranco Rotondi, deputato di Forza Italia e leader di Rivoluzione Cristiana, la pensa così: “Non capisco il chiacchiericcio politico sulla successione a un personaggio non succedibile, perche’ unico nella storia civile di questo Paese. Per la scaramanzia napoletana parlare di successione allunga la vita e va bene cosi’. Per il bene del centrodestra invece – conclude Rotondi – sono discorsi che lasciano un segno e non bello in chi spera in una nuova stagione di successi sempre guidata da Silvio Berlusconi e dalle forze cattoliche e laiche che sapra’ aggregare".