Stabilità, eletti all’estero Pd sulle nuvole: Renzi ci sta uccidendo – di Vittorio Pessina

Sen. Vittorio Pessina

La legge di stabilità del governo Renzi è stata criticata nelle ultime settimane da tutti coloro che si occupano di italiani all’estero e hanno a cuore i bisogni e i desideri dei nostri connazionali. Critiche sono arrivate da ogni angolo del mondo, in maniera trasversale, da destra e da sinistra. Ma secondo i deputati Pd eletti all’estero le legittime critiche giunte da oltre confine (persino da esponenti del loro stesso partito) sono soltanto “sterili polemiche”. Per loro questa manovra economica ha contribuito a raggiungere “un risultato di straordinario valore” (???) per le nostre comunità nel mondo.

Secondo gli eletti all’estero del Partito Democratico “questo Governo nei confronti degli italiani all’estero manifesta una posizione di apertura e di consapevolezza del loro valore e del loro ruolo essenziale per gli interessi del Paese”. Incredibile davvero leggere questo tipo di dichiarazioni da parte di rappresentanti degli italiani nel mondo in Parlamento. Perché la verità è che l’attuale esecutivo sta pesantemente condizionando il Sistema Italia all’estero. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta accadendo. Solo i rappresentanti del Pd sembrano non accorgersene. Si tengono stretto il loro seggio e continuano a prendere in giro gli elettori spacciando per “risultato straordinario” quello che in realtà è l’ennesimo colpo basso per il mondo dell’emigrazione.

Forza Italia non ci sta. Ci opponiamo con energia a questo stato di cose, a questa continua presa in giro messa in atto da un partito che si mostra indifferente se non nemico nei confronti degli italiani residenti all’estero. Noi continueremo a farci sentire, nelle sedi istituzionali e all’interno del dibattito mediatico, per raccontare ai nostri connazionali come stanno davvero le cose e per evitare che in futuro possano dare il proprio voto al Partito Democratico; a una sinistra senza vergogna che giorno dopo giorno, anno dopo anno, sta sgretolando tutti i diritti e le opportunità di chi, anche se lontano, continua a sentirsi a pieno titolo cittadino del BelPaese.

*responsabile nazionale italiani all’estero per Forza Italia