Italiani all’estero, nasce il Comitato per le pari opportunità del MAIE Argentina

In Argentina il MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero ha istituito un comitato per i diritti di genere, il cui coordinamento è stato affidato al dott. Gabriel Femo Pase.

Mario Gazzola, coordinatore del MAIE Argentina, spiega: “Le politiche di pari opportunità implicano interventi finalizzati ad eliminare gli ostacoli alla partecipazione politica, economica e sociale dovuti al proprio specifico orientamento sessuale, e non solo: esse sono volte a superare il pregiudizio e le disuguaglianze esistenti con strumenti informativi e con iniziative di riequilibrio di opportunità e poteri”.

Stella Occhiato, Coordinatore MAIE di Morón: “Per avere pari accesso a mondi spesso ancora fortemente discriminanti alla partecipazione, basterebbe conoscere e applicare i diritti fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione. Le capacità personali, la preparazione, la cultura, le qualità della persona devono essere alla base dei diritti e prioritarie sulla diversità di genere. Questo è ciò a cui il MAIE presta grande attenzione. Se da una parte, infatti, molto cammino è stato compiuto verso la parità di diritto, sia nella vita privata e sociale che nel lavoro, ancora molto c’è da fare per la parità di fatto”, ha sottolineato la neo vicepresidente del Comitato P.O.  Argentina.

Da parte sua, l’on. Borghese, membro della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, ha dichiarato: “Sono felice che il MAIE abbia creato un comitato dedicato ad ascoltare e prendersi cura di chi subisce o è a rischio di subire discriminazioni in qualsiasi ambito, e applichi questo fondamentale concetto di cittadinanza basato sul dettato della nostra Costituzione. Garantiamo così la messa in atto dei principi di democrazia e di rispetto della persona, in ogni contesto, sociale e istituzionale, e anche all’interno del Movimento Associativo”.

Il nuovo coordinatore del MAIE, Gabriel Femo Pase, nel ringraziare per la fiducia in lui riposta, ha dichiarato: “Affronteremo attraverso studi e seminari da avviare al livello dei diversi coordinamenti territoriali, nazionali e circoscrizionali, una riflessione sul rapporto fra diversità ed eguaglianza nei diversi ambiti sociali e nei contesti organizzativi e istituzionali; e a breve, nell’ambito della nostra struttura metteremo in atto politiche di garanzia e promozione delle pari opportunità e di gestione della diversità, con azioni di comunicazione e corsi di formazione dedicati all’argomento”.