Calcio, Juve verso la Samp su ali trionfo Supercoppa

TURIN, ITALY - JANUARY 06: Sebastian Giovinco of Juventus FC celebrates his goal during the Serie A match between Juventus FC and UC Sampdoria at Juventus Arena on January 6, 2013 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Arriva il campionato e per la Juventus la Supercoppa e’ gia’, letteralmente, reperto da Museo. A portarla al J-Museum di Torino per consegnarla direttamente nelle mani del suo presidente, Paolo Garimberti, e’ stato oggi il capitano della Juve, Gigi Buffon, che prima di presentarsi all’allenamento e’ andato nella sede della galleria juventina con la Supercoppa in mano. Per i bianconeri si tratta del quarto trofeo nei soli 15 mesi da quando il museo e’ stato aperto: due scudetti, due Supercoppe. In questo episodio c’e’ lo spirito con il quale la Juve si accinge a debuttare in campionato. E’ lo spirito, come ha piu’ volte ribadito Antonio Conte, di chi vuole continuare a portare trofei sulle bacheche di casa.

Mentre il mercato bianconero e’ tutt’altro che chiuso, e l’ad Marotta continua a lavorare per definire la rosa 2013-2014, sabato sera a Genova contro la Sampdoria Conte parte da alcune certezze: al posto dell’infortunato Marchisio il tecnico mandera’ in campo Pogba; Vucinic e Tevez saranno la coppia d’attacco, con Llorente in panchina; l’assetto della squadra sara’ un collaudato 3-5-2, per lasciare ad altre occasioni l’ipotesi di tanto innovativi quanto avventurosi 3-3-4 provati in estate. Per questo (se mai verra’ quel giorno) bisogna prima capire con certezza su quali giocatori la Juventus potra’ contare nell’arco della stagione. Sicuramente potra’ contare su Arturo Vidal, il cui contratto e’ in dirittura d’arrivo dopo l’incontro tra Marotta e il procuratore del giocatore, Fernando Felicevich. Vidal restera’ alla Juventus fino al 2018, si tratta solo di definire i dettagli dell’accordo, che prevede un aumento complessivo dell’ingaggio legato al riconoscimento di bonus specifici. Nel frattempo continuano le trattative tra Juventus e West Ham per Quagliarella. Il club inglese e’ disposto a riconoscere al giocatore lo stesso compenso che lui percepisce a Torino (2,5 milioni), ma lo vorrebbe solo in prestito. Matri, invece, continua ad essere in sospeso: in casa Juventus e’ considerato in partenza, ma la sua destinazione e’ tutt’altro che definita. Resta aperta l’ipotesi Milan (Galliani e Marotta avrebbero avuto un colloquio telefonico), si raffredda l’ipotesi Napoli, mentre anche l’Inter avrebbe manifestato un qualche interesse. In potenziale partenza da Torino, poi, Marrone (verso Siviglia) e De Ceglie (verso il Sunderland di Giaccherini).