Apple, attesi dati deludenti: Tim Cook verrà sostituito?

Sostituire Tim Cook. E’ il piano a cui starebbe lavorando Apple per imprimere una svolta al gruppo dopo le deludenti prestazioni in Borsa degli ultimi mesi, che rischiano di appannare l’immagine dell’azienda nata dal genio di Steve Jobs. Secondo il magazine Forbes, le voci di un cambio ai vertici della casa di Cupertino oramai si rincorrono sempre piu’ a Wall Street, dove fonti ben informate parlano di una caccia gia’ aperta al nuovo numero uno. Si starebbe insomma cercando un nuovo chief executive in grado di provocare la scossa, dando il benservito a Cook che prese il timone dell’azienda alla morte di Jobs.

Il titolo di Apple – fino a poco tempo fa l’azienda piu’ ricca del pianeta con un pil superiore a quello della Svizzera – sta perdendo sempre piu’ terreno in Borsa. A pesare e’ il calo delle vendite dei nuovi iPhone iPad: si e’ cosi’ scesi ad aprile 390 dollari ad azione, contro la quotazione record di 702 dollari ad azione del settembre scorso, ora quasi dimezzata. A Cupertino si e’ quindi convinti che serve una sterzata. Anzi, una decisa inversione di rotta.

Per capire quanto questa svolta potra’ essere radicale bisogna attendere i dati dei primi tre mesi, che saranno diffusi domani. Le attese degli analisti non sono rosee: potrebbe infatti esserci il primo calo degli utili su base annua degli ultimi 10 anni, dal debutto sul mercato di iTunes nel 2003. A frenare le performance della Mela, appunto, le vendite deludenti di iPhone (si stima un milione in meno) e iPad, che pagano una concorrenza sempre piu’ agguerrita da parte di Samsung e Google.

Secondo le previsioni, la contrazione degli utili rispetto allo stesso periodo dello scorso anno potrebbe essere a due cifre, compresa tra il 18% e il 20%. Si dovrebbe cosi’ scendere a circa 9-9,5 miliardi di dollari. E pensare che dal lancio dell’iPod nel 2001, gli utili annuali di Apple si erano moltiplicati esponenzialmente, passando da 65 milioni ai 41,7 miliardi di dollari l’anno scorso. Cosi’ si spiega il boom di questi anni in Borsa, con una capitalizzazione record per la regina della Silicon Valley che a settembre scorso ha raggiunto il picco di 660 miliardi di dollari. Ora, pero’ la palma dell’azienda piu’ ricca del pianeta e’ ritornata saldamente in mano del gruppo petrolifero Exxon, su cui Apple appena pochi mesi fa aveva celebrato il sorpasso.