Razzi, “mi candido con la Lega e con Salvini riapriremo le case chiuse”

“Salvini mi conosce molto bene, sa quanto valgo, è stato con me in Corea. La Lega potrebbe approfittare della mia amicizia con la Corea del Nord”

Antonio Razzi

Antonio Razzi ha annunciato a Radio Cusano Campus la sua intenzione di volersi candidare con la Lega alle prossime elezioni: “Io sono pronto, nella vita bisogna essere sempre pronti. Ci sono tantissime possibilità che mi candidi con la Lega di Salvini”.

Certo, ci tiene a sottolineare l’ex senatore, “sostengo sempre Berlusconi, ma chiedo sempre di chiamarlo e di incontrarlo, senza ricevere risposta”.

“Salvini mi conosce molto bene, sa quanto valgo, è stato con me in Corea. La Lega potrebbe approfittare della mia amicizia con la Corea del Nord. Tra me e Salvini è scattato subito un feeling di amicizia, da quando siamo partiti insieme per la Corea”.

Razzi fa già le prove generali da leghista: “Ieri avevo un fazzoletto verde nel taschino della giacca. Col mio vestito ci va a pennello. Mi chiedete di dire prima gli italiani? Lo dico convintamente. Prima gli italiani! Ci mancherebbe altro. Per me è sempre stato così e sarà sempre così. I tedeschi ci hanno dato degli scrocconi? Si sciacquassero la bocca prima di parlare degli italiani, si dovrebbero stare zitti, ne hanno combinate di cotte e di crude in tutto il mondo. Mio padre è stato prigioniero in Germania. Un’altra battaglia che accomuna me e Salvini è quella per la riapertura delle case chiuse. Io e Salvini la faremo insieme”.