Imu italiani all’estero, Renzi ne parla alla Camera. Anzi no (VIDEO) – di Ricky Filosa

La questione Imu che riguarda gli italiani nel mondo arriva a Montecitorio e viene sottoposta direttamente al capo del governo. Durante il question time alla Camera, trasmesso dalla Rai in diretta televisiva dall’Aula della Camera, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha infatti risposto a una interrogazione presentata da Francesco Saverio Romano ed altri deputati della componente Ala-MAIE, componente all’interno del Gruppo Misto presieduta dall’On. Ricardo Merlo, fondatore e presidente del Movimento Associativo Italiani all’Estero, sugli orientamenti in merito alla tassazione sulla prima casa e sugli immobili in generale, per gli italiani residenti in Italia e per quelli residenti all’estero…

E invece no. Non è andata proprio così. Quello che avete appena letto non è accaduto. Di italiani nel mondo non si è parlato affatto. A dispetto di quanto annunciato da tutte le agenzie di stampa, che rilanciavano una nota – immaginiamo della Camera se non del Governo – nella quale si leggeva che il premier avrebbe dato risposta, appunto, “sugli orientamenti in merito alla tassazione sulla prima casa e sugli immobili in generale, per gli italiani residenti in Italia e per quelli residenti all’estero (Francesco Saverio Romano ed altri – Misto-ALA-MAIE)”.

Chi ha eliminato all’ultimo momento il riferimento agli italiani residenti oltre confine? Forse il capo del governo ha chiesto di non dover affrontare tale argomento durante un Question Time in diretta TV? Ma perché poi avrebbe dovuto farlo? Forse perché per ciò che riguarda la domanda sulla questione Imu e italiani nel mondo il premier non ha ancora chiara in testa una risposta? Oppure è stato il deputato dell’Ala a dimenticarsi degli italiani all’estero nella sua domanda? Sarebbe stranissimo, visto che il capo della componente a cui appartiene Romano è proprio un eletto all’estero.

Non sappiamo cosa sia successo. Certo è che di Imu e italiani nel mondo, questione che interessa moltissimo a tanti connazionali, non ne ha parlato nessuno. Non lo ha fatto l’interrogante Romano (che secondo noi ha perso una grande occasione, e forse il presidente del MAIE, Ricardo Merlo, dovrebbe per questo tirargli le orecchie), né lo ha fatto il presidente Renzi, il quale continua a ripetere: via l’Imu per tutti e per sempre. Ma nella sua mente, quando pronuncia tali parole, pensa anche gli italiani all’estero? Al momento non è dato saperlo. Non ancora. Chissà se almeno gli eletti all’estero del Pd riusciranno ad ottenere una risposta chiara, certa e definitiva. Intanto, per quanto riguarda il tema tasse sulla prima casa, la confusione nella testa degli italiani nel mondo è totale.

Per la cronaca, sull’Imu Renzi in Aula ha ribadito ancora una volta: “Si elimina la tassa sulla prima casa per tutti e per sempre: l’Ue faccia ciò che deve fare, noi facciamo ciò che dobbiamo fare". Dunque "basta subalternità: ogni anno diamo all’Ue 20 miliardi, che ce ne restituisce 12". Il premier ha sottolineato l’importanza di un quadro chiaro "dopo 20 anni di balletto, cui ha contribuito anche la politica", e ha precisato che "l’abolizione della tassa sulla prima casa non deve pesare sui Comuni", che non riceveranno "neanche un centesimo in meno": altrimenti "si lede il patto di fiducia con i sindaci". 

Twitter @rickyfilosa