Italiani all’estero, a Buenos Aires la Commissione America Latina del CGIE

La Commissione ha potuto contare al momento della sua inaugurazione e per la prima parte del pomeriggio, con la presenza dell'Ambasciatore d'Italia a Buenos Aires, Teresa Castaldo

La Commissione Continentale America Latina del Consiglio generale degli italiani all’estero si è riunita a Buenos Aires il 28, 29 e 30 novembre, sotto la presidenza del Vice-segretario, il Consigliere CGIE Mariano Gazzola, e con la presenza di tutti i suoi componenti.

La Commissione ha potuto contare al momento della sua inaugurazione e per la prima parte del pomeriggio, con la presenza dell’Ambasciatore d’Italia a Buenos Aires, Teresa Castaldo, il Consigliere Sociale dell’Ambasciata, Martin Lorenzini, il Senatore Claudio Zin, ed i deputati Fabio Porta e Mario Borghese. Tra i partecipanti anche il Coordinatore Intercomites Argentina e Presidente Com.It.Es. Buenos Aires, Dario Signorini; il Coordinatore InterComites Brasile Walter Petruzziello, il Presidente Com.It.Es. di Asuncion (Paraguay) José Zanotti, il Presidente Com.It.Es. Rosario Franco Tirelli, il Presidente Com.It.Es. Lomas di Zamora Emilio Bianco, il Presidente Com.It.Es. Moron Francesco Rotundo, il Vicepresidente Com.It.Es. Uruguay Aldo Lamorte, i Consiglieri uscenti Antonio Laspro e Ricardo Buttazzi. Anche la senatrice Mirella Giai ha accopagnato i nostri lavori.

“La Commissione – si legge in una nota – ha avuto un nutrito Ordine del giorno ed è iniziata con l’intervento del Cons. Nello Collevecchio del Venezuela, informando sulla drammatica situazione che vive questo paese ed ai nostri fini l´effetto sulla comunità italiana.

Si esprime la solidarietà e vicinanza alla comunità italo-venezolana, augurando che il popolo venezolano e tutte le forze politiche e sociali, trovino quanto prima le soluzioni che consentano al Paese di ritornare alla convivenza pacifica e riprendere la strada dello sviluppo e della prosperità’ che l’hanno caratterizzato nei decenni passati”. “Il Consigliere Collevecchio – continua la nota – manifesta che oltre la situazione generale del paese, la comunità italiana si sente in uno stato di ‘abbandono’ anche da parte del Consolato di Caracas in particolare ed a causa dei disservizi consolari; l’impossibilità di acceso al sistema prenota on line, la distruzione della rete consolare onoraria, la disattenzione ai bisognosi e il blocco all’attività dei Comites di Caracas e Puerto Ordaz ai quali non sono pervenuti i fondi 2016 del capitolo 3103. La Commissione manifesta la necessità di una particolare attenzione alla situazione della comunità italo- venezuelana, consapevole dei passi già dati dal nostro Ministero degli Esteri, ma chiede in questa occasione, al Governo italiano ed ai parlamentari della circoscrizione America Meridionale, di rinforzare il loro impegno a sostegno di questa comunità”.

La Commissione ha poi “esaminato la bozza di proposta di riforma del Com.It.Es. e del CGIE, confezionata ed accordata dal Comitato di Presidenza nella riunione del 21 e 22 ottobre 2016. SI conferma l’esigenza di mantenere intatta la piramide della rappresentanza degli italiani all’estero: i Com.It.Es. di base, il CGIE di sintesi, i parlamentari eletti all’estero che rappresentano le comunità al Parlamento italiano”. Viene inoltre “approvato l’impianto ed i contenuti della proposta di riforma che, dovrà essere sottoposta al dibattito e l’approvazione finale dell’Assemblea Plenaria del Consiglio. Da parte nostra abbiamo integrato il testo proposto con alcuni suggerimenti, precisazioni ed anche qualche modifica. Alla fine di questo verbale si aggiungono le proposte che vengono trasmesse al Comitato di Presidenza CGIE per le dovute considerazioni”.

La Commissione America Latina del Cgie ha inoltre “discusso l’attuale situazione di funzionamento interno del CGIE, specialmente delle Commissioni tematiche le quali per i noti problemi finanziari non hanno potuto dare seguito ai loro lavori. Si ritiene importantissimo il lavoro delle Commissione tematiche e al riguardo si propone che nella prossima Assemblea Plenaria sia dato ad esse la priorità dei tempi di riunione. Nonostante l’utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazioni, la Commissione rafferma l’imprescindibilità delle riunioni presenziali. È stata analizzata anche la situazione creatasi con la mancanza di rappresentanza nel CGIE, di numerosi paesi dell’Area: Paraguay, Bolivia, Colombia, Ecuador, Guatemala, Messico, Panama-Rep. Dominica, siano d’accordo fin da questo momento e finché non vengano ammessi nel CGIE, che il Consigliere CGIE geograficamente più vicino potrà farsi carico del collegamento con il Com.It.Es. del paese”.

Sul tema della nuova emigrazione, “il Consigliere Alciati – si legge nella nota – ha messo a disposizione della Commissione la presentazione della Commissione Nuove Migrazioni e generazioni nuove, con dati statistici sui profili della nuova mobilitá, informando che è pronto un sito internet nel quale si potranno suggerire proposte e best pratiche per sostenere le nuove migrazioni. Inoltre la Cons. Blasioli Rita informa sul progetto che il Com.It.Es. di San Paolo ha coordinato insieme alla UNICAMP e altri partner, con il contributo MAECI (contributi integrativi Comites). I dati finali saranno disponibili a breve. Tra questi risultati per esempio si è evidenziato che il fenemono delle nuove migrazioni coinvolge anche pensionati italiani che in numero non minore stanno stabilendosi nel Nordest del Brasile. La Cons. Blasioli segnala che nell’ambito del progetto si sono contattati anche con il LIA- gruppo di ricercatori italo-argentini -che stanno lavorando con iniziative simili e con la collaborazione del Com.It.Es. e l’Ambasciata di Buenos Aires”.