Immigrati, sottosegretario Picchi: basta buonismo, via chi delinque

Il leghista Guglielmo Picchi, sottosegretario agli Esteri: “L'immigrato che delinque perderà lo status di protezione o asilo nel nostro Paese. Chi viene accolto in Italia deve rispettare le nostre leggi”

Guglielmo Picchi, deputato della Lega e sottosegretario agli Esteri, intervistato dal quotidiano Il Mattino affronta il tema immigrazione: “Abbiamo già pronto un provvedimento che inseriremo nel prossimo decreto sicurezza: l’immigrato che delinque perderà lo status di protezione o asilo nel nostro Paese. Chi viene accolto in Italia deve rispettare le nostre leggi”.

Sull’Onu che vuole inviare un team per monitorare le violenze sugli immigrati Picchi precisa: “E’ la conferma che queste organizzazioni sono distanti dai reali problemi dei cittadini. Aveva ragione Trump a considerare l’Onu una struttura sovradimensionata e costosa. Il classico esempio di funzionari strapagati che vogliono dare lezioni al Paese che più ha dato sul fronte dell’accoglienza: affermazioni irricevibili che ci lasciano di stucco”.

Picchi è netto: non è questione di razzismo, sottolinea, semplicemente “la gente non ne puo’ piu’ di queste lezioni di buonismo, bisogna fare un bagno nella realta’. La gente che e’ all’Onu evidentemente non conosce cosa succede nelle periferie e l’ennesimo esempio e’ arrivato dalle elezioni svedesi, Paese in cui ci sono ghetti dove vige persino la legge islamica della Sharia”. Normale che poi – continua – partiti come il nostro guadagnino consensi: “Ad alcune lobby fa comodo instaurare un clima di odio e diffidenza verso il nostro governo perche’ vogliamo far cessare un sistema su cui in troppi hanno lucrato”.