CRISI POLITICA | Alessandro Grando (Sindaco di Ladispoli): “Stato di assedio della democrazia, il 2 giugno resto a casa”

“Ci hanno illuso con la favola che in Italia la sovranità appartiene al popolo, ma in realtà viviamo in un regime di dittatura manovrato dalle banche e dall’Unione Europea. C’è poco da festeggiare, me ne resto a casa, e invito gli altri sindaci a fare altrettanto”

“Il 2 giugno avrei dovuto prendere parte alla celebrazione del 72’ anniversario della Festa della Repubblica, sfilando con la fascia tricolore per le vie della Capitale. Visti i recenti accadimenti, e lo stato di assedio della democrazia nel nostro Paese, mi rifiuto di partecipare”. A scriverlo è Alessandro Grando, sindaco di Ladispoli, sul proprio profilo Facebook.

“Ci hanno illuso con la favola che in Italia la sovranità appartiene al popolo, ma in realtà viviamo in un regime di dittatura manovrato dalle banche e dall’Unione Europea. Il 2 giugno – sottolinea Grando in conclusione – c’è poco da festeggiare, me ne resto a casa, e invito gli altri sindaci a fare altrettanto. Non moriremo schiavi di questa Europa!”.