Bonaiuti dice addio a Berlusconi, ‘in Forza Italia spariti i moderati’

Paolo Bonaiuti racconta a Il Messaggero il suo addio da Forza Italia: "Quando vedi come ti trattano i giornali che dovrebbero esserti vicini capisci che non è più tempo di riflettere", "dentro FI è sparita l’area riformista e moderata e lo dico io che sono un ex socialista".

Bonaiuti, che del Cavaliere è stato l’ombra per oltre 18 anni, riferisce che il leader di Forza Italia lo ha avvertito dicendogli: "Pensaci bene". Ma, aggiunge, riferendosi ai giornali: "Che dovevo fare di fronte a quegli attacchi indegni e immotivati?".

Dice di stimare Renzi fin da quando è diventato sindaco di Firenze: "Dal primo giorno. Da quando è diventato sindaco la prima volta e ha cancellato il progetto del tram".

Bonaiuti dunque lascia Forza Italia. Ieri l’annuncio ufficiale, contenuto in un comunicato: “Lascio Forza Italia, è una decisione difficile, sofferta, anche a lungo rinviata, ma pienamente motivata, già da tempo, da divergenze politiche e da incomprensioni personali che si sono approfondite nell’ultimo anno. Resto nel centrodestra per dare una mano a una ricomposizione a breve di tutte le forze di quest’area in direzione riformista e moderata. A Silvio Berlusconi un augurio dal cuore, con la sincerità e con l’affetto dei diciotto anni in cui ho lavorato ogni giorno al suo fianco”.

LE REAZIONI DELLA POLITICA "Mi dispiace, Paolo e’ sempre stato un amico. Da giornalista ci ho lavorato per anni. Non capisco ancora la sua decisione. Andra’ con Alfano. Quello che mi stupisce della politica in generale e’ che quando a qualcuno non va piu’ bene, nonostante trent’anni di carriera, non dice: ‘signori non sono più d’accordo con il mio partito me ne vado a casa, vado in pensione’. No, cambia partito per star lì altri dieci anni. Questa e’ la cosa insopportabile". Cosi’ Giovanni Toti, consigliere politico di Fi, ospite a "Mattino5", in merito alla decisione di Paolo Bonaiuti di lasciare Forza Italia.

"Con più dialogo e maggiore attenzione umana nel partito ci sarebbero più comprensione e meno addii dolorosi". Lo dice la deputata di Forza Italia Michaela Biancofiore commentando l’uscita di Paolo Bonaiuti da Forza Italia. In una intervista a Repubblica afferma che "Bonaiuti sbaglia non solo perché il momento è difficile ma perché è uno dei pochi che da Berlusconi ha avuto tutto ma soprattutto ha avuto la fortuna di stare a stretto contatto con un uomo che ogni volta che puoi frequentarlo ti arricchisci per conoscenza delle cose e per sensibilità". Ma aggiunge: "Se però dall’altra parte FI quell’entusiasmo lo spegne, ancora una volta il movimento e il suo leader sono due cose diverse che vanno riconciliate".

"Paolo Bonaiuti e’ una persona per bene e con il suo gesto manifesta grande coraggio". Lo ha affermato il presidente di Ncd e ministro dell’Interno Angelino Alfano, commentando a "Mix24" su Radio 24 l’adesione dell’ex portavoce di Silvio Berlusconi al Nuovo centrodestra.