SONDAGGIO | Estate 2020, niente villeggiatura per il 45% degli italiani

Il 61% degli intervistati ritiene che il rischio di dover tornare di nuovo in quarantena sia "molto" o "abbastanza" probabile, per il 28% invece "poco" o "per nulla”

Secondo un SONDAGGIO EMG Acqua presentato oggi ad Agorà, su Raitre, alla domanda se questa estate andrà in villeggiatura ha risposto no il 45% degli intervistati, sì il 30%. Il 25% non sa. Inoltre tra coloro che intendono andare in villeggiatura ha risposto, “in Italia” il 73%, “nella mia Regione” il 15%, “all’estero” il 7%. Il 5% non sa.

Secondo altri sondaggi presentati ad Agorà e sempre targati EMG Acqua, alla domanda se sia d’accordo con la riapertura delle frontiere italiane ai turisti stranieri il 47% ha risposto “no perché il virus potrebbe rientrare da altri Paesi”, il 42% invece “sì perché abbiamo bisogno di salvare la stagione turistica”. L’11% preferisce non rispondere.

Alla domanda se farebbe il vaccino contro il Covid-19 ha risposto sì il 63%, no il 21%. Il 16% preferisce non rispondere. Inoltre per il 54% il vaccino dovrebbe essere reso obbligatorio. Contrario invece il 33%. Il 13% preferisce non rispondere.

Il 61% degli intervistati ritiene che il rischio di dover tornare di nuovo in quarantena sia “molto” o “abbastanza” probabile, per il 28% invece “poco” o “per nulla”. L’11% preferisce non rispondere. Inoltre il 37% ritiene che con la riapertura Governo e Regioni stiano facendo abbastanza per tracciare e isolare i contagi mentre non è d’accordo un altro 37%. Il 26% preferisce non rispondere.

Comunque sul rischio di contagio sul luogo di lavoro il 61% si dichiara “molto” o “abbastanza” preoccupato, il 37% invece si sente “poco” o “per niente” preoccupato. Il 2% preferisce non rispondere.