Repubblica Dominicana, un paradiso terrestre da conoscere e visitare

La comunità italiana è assai variegata: c’è chi ha scelto di ritirarsi lì e vive di rendita, magari grazie alla propria pensione o ai risparmi di una vita; ma c’è anche chi ha preso un aereo avendo solo pochi dollari in tasca ed è atterrato a Santo Domingo con la speranza di poter trovare un lavoro che gli permettesse almeno di vivere ai Caraibi. Non sempre le storie dei nostri connazionali hanno un lieto fine…

Repubblica Dominicana
Repubblica Dominicana

La Repubblica Dominicana per molti versi è un paradiso terrestre: sole caldo tutto l’anno, spiagge di borotalco, mare cristallino. Non ci si stancherebbe mai di tutto questo. E infatti la comunità italiana della Repubblica Dominicana è molto cresciuta negli ultimi anni. Sono oltre 13mila i connazionali regolarmente iscritti all’AIRE (l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero), ma si calcola che gli italiani nel Paese caraibico siano molti di più, sui 50mila.

La RD è un paradiso, è vero. Ma ha anche tante cose che si fa fatica a comprendere a fondo. Soprattutto se si viene qui con la mentalità italiana, pensando di ragionare e di comportarsi come se, appunto, si fosse ancora nello Stivale. No, la RD va conosciuta e apprezzata per quello che è: uno splendido Paese che ha tanto da offrire, ma che allo stesso tempo, soprattutto se non si ha la testa ben piantata sulle spalle, può anche toglierti molto.

Nella Repubblica Dominicana si recano anche tanti appassionati del gioco d’azzardo. Ci sono decine di Casinò a Santo Domingo, la capitale, ma in realtà sono presenti in tutte le province. Si può giocare sui tavoli verdi o alle classiche slot machine, ce n’è per tutti i gusti. La puntata minima in tanti casi è accettabile, alla portata di tutti, sui cinque o dieci euro, a seconda del posto. E non c’è bisogno di andare infiocchettati, ci si può recare a giocare anche in bermuda e infradito, per dire.

E’ anche vero che, rispetto ad anni fa, questi locali sono meno frequentati. Complice anche la pandemia, che ha portato tutti noi ad evitare i locali chiusi. Al casinò, poi, tra soldi e fiches, si mettono le mani su oggetti che potenzialmente sono ad alto rischio per molti. La soluzione, per gli appassionati? Le nuove tecnologie.

E’ partita così la corsa sul web, alla ricerca di tutte le migliori app casino e le migliori app slot con soldi veri. Si gioca comodamente da casa, seduti sul proprio divano, e ci si diverte. In sicurezza, come si usa dire. E soprattutto, vincendo soldi veri, non premi simbolici.

E’ un modo per non dover abbandonare le proprie passioni del tutto e per evitare un contagio da Covid. Certo, il casinò ha tutta un’altra magia: ma di questi tempi, ben vengano le nuove tecnologie a darci una mano, anche quando si tratta di una mano di poker o di un giro sulla roulette.

La Repubblica Dominicana è certamente la perla dei Caraibi. L’economia del Paese è cresciuta moltissimo nell’ultimo ventennio. E’ un po’ la locomotiva di quell’area geografica. Ha puntato tantissimo sul turismo, la RD. In Italia è considerata tra le mete da sogno in cui recarsi. Molto apprezzata nello Stivale: pensate, solo oltre 130mila i turisti italiani che ogni anno visitano il Paese caraibico.

Non solo mare e sole. C’è tanto altro ancora. Storia, cultura, gastronomia: vale la pena conoscere a fondo la Repubblica Dominicana, di cui non è affatto difficile innamorarsi. Il popolo dominicano è amico degli europei e degli italiani in particolare: tra Italia e RD esistono da tempo fortissimi legali storici, culturali, ma anche economici e commerciali. Anche per questo la comunità italiana della RD ha lottato fortemente contro la chiusura dell’Ambasciata d’Italia a Santo Domingo, avvenuta nel 2014, e poi per la sua riapertura.

Alla fine, la sede diplomatica è stata riaperta: “La comunità italiana del posto ha sollevato un polverone tale che non abbiamo potuto fare altrimenti”, ha detto l’allora viceministro degli Esteri Mario Giro. Già, perché gli italiani della RD sono belli tosti: nel corso dei decenni hanno saputo conquistarsi il proprio spazio, oltre al rispetto dei dominicani.

La comunità italiana è assai variegata: c’è chi ha scelto di ritirarsi lì e vive di rendita, magari grazie alla propria pensione o ai risparmi di una vita; ma c’è anche chi ha preso un aereo avendo solo pochi dollari in tasca ed è atterrato a Santo Domingo con la speranza di poter trovare un lavoro che gli permettesse almeno di vivere ai Caraibi. Non sempre le storie dei nostri connazionali hanno un lieto fine; tuttavia, potremmo raccontarvi di tanti casi di italiani che, partiti col niente trent’anni fa, oggi sono grandi imprenditori di successo e nella RD hanno costruito la propria azienda, la propria famiglia, la propria vita.

Se non siete mai stati in Repubblica Dominicana vi consigliamo di andarci. Magari quando in Italia è inverno, per poter godere del calore del sole caraibico. Esistono voli per tutte le tasche. Al momento, vi suggeriamo la linea aerea Neos, l’unica che organizza voli diretti verso la RD.