LEGGE DI BILANCIO | Ok a emendamento MAIE, 3 milioni di euro per “riconoscere” i ristoranti italiani nel mondo

Per valorizzare le tradizioni enogastronomiche delle produzioni agroalimentari e industriali italiane e della dieta mediterranea e contrastare il fenomeno dell'Italian sounding

Via libera allo stanziamento di un milione di euro l’anno dal 2021 al 2023 per valorizzare le tradizioni enogastronomiche delle produzioni agroalimentari e industriali italiane e della dieta mediterranea e contrastare il fenomeno dell’Italian sounding. Lo prevede un emendamento alla manovra, riformulato e approvato dalla commissione Bilancio della Camera, a firma Mario Alejandro Borghese (Misto-Maie).

Nello specifico, la modifica prevede la definizione di ‘ristorante italiano’, cioè “il pubblico esercizio dove si consumano pasti completi che vengono serviti da camerieri su tavoli disposti in un locale apposito e in cui l’insieme dei cibi e delle bevande di cui l’esercizio stesso dispone è costituito da ricette e da prodotti italiani, con particolare riferimento ai prodotti agroalimentari tradizionali di cui all’elenco nazionale del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e ai prodotti riconosciuti dall’Unione europea come prodotti a denominazione di origine protetta, a indicazione geografica protetta, a denominazione di origine controllata, a denominazione di origine controllata e garantita e a indicazione geografica tipica, nonché alle produzioni di specialità tradizionale garantita”.