CORONAVIRUS | L’Italia vieta l’ingresso a chi è stato in Repubblica Dominicana negli ultimi 14 giorni

Intanto i direttori del Santiago Metropolitan Hospital hanno avvertito che, a causa della saturazione dei pazienti dovuta al caso Covid 19, è necessario trasferirli in altri centri sanitari, nonostante il fatto che la maggior parte di essi sia già al limite

Galoppa il coronavirus nella Repubblica Dominicana. Così l’Italia proibisce l’entrata ai cittadini che siano stati in RD nelle ultime due settimane. L’annuncio, che ha fatto il giro del mondo, l’ha dato il ministro della Sanità, Roberto Speranza.

“Ho appena firmato una nuova ordinanza – ha comunicato l’esponente del governo italiano – che prevede il divieto di ingresso e transito sul territorio nazionale di cittadini che negli ultimi 14 giorni sono stati nei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Macedonia, Moldavia, Oman, Panama, Perù, Kuwait, Repubblica Domenicana. Per tutti gli altri Paesi extra Ue ed extra Schengen resta l’obbligo di quarantena. L’epidemia a livello globale – sottolinea Speranza in conclusione – è nella fase più acuta. Non possiamo vanificare i nostri sacrifici fatti negli ultimi mesi”.

Intanto i direttori del Santiago Metropolitan Hospital hanno avvertito che, a causa della saturazione dei pazienti dovuta al caso Covid 19, è necessario trasferirli in altri centri sanitari, nonostante il fatto che la maggior parte di essi sia già al limite.

Secondo gli specialisti, il virus sta diventando più forte e più contagioso rispetto all’inizio della pandemia, quindi chiedono alla popolazione di aumentare la consapevolezza e applicare le misure suggerite dalle autorità sanitarie.

I casi aumentano ogni giorno, nelle ultime 48 ore a Santiago sono stati rilevati 259 nuovi casi di coronavirus.