Sottosegretario Merlo scrive a Speranza: “Vaccini anti-Covid anche per gli italiani all’estero”

“E quando parlo di connazionali – sottolinea il senatore - mi riferisco anche alla nostra rete diplomatico-consolare: Ambasciatori, Consoli, funzionari e impiegati che operano nei Paesi più in difficoltà vanno vaccinati”

Vaccini anti Covid anche per quegli italiani all’estero residenti nei Paesi con maggiore difficoltà a procurarsi i vaccini. È questa la richiesta contenuta in una lettera che il Sottosegretario agli Esteri Sen. Ricardo Merlo, presidente MAIE, ha inviato al ministro della Salute Roberto Speranza.

“In alcuni Paesi del mondo è più difficile per i nostri connazionali procurarsi la dose di vaccino anti Coronavirus; penso alle zone del mondo più problematiche – in Asia, Africa, America Latina -, che non hanno adeguate risorse economiche per poter affrontare la crisi sanitaria. E quando parlo di connazionali mi riferisco anche alla nostra rete diplomatico-consolare: Ambasciatori, Consoli, funzionari e impiegati che operano nei Paesi più in difficoltà vanno vaccinati. Se l’Unione Europea ha pensato a vaccinare i nostri diplomatici in Europa, noi riteniamo che la stessa protezione spetti a chi continua a lavorare per lo Stato italiano nei Paesi meno fortunati, rischiando di contagiarsi e di contagiare”, ha sottolineato il senatore Merlo.

Il Presidente MAIE rimane in attesa di risposte concrete e soluzioni adeguate, che si augura arriveranno in tempi brevi, data l’urgenza per la sempre più vasta diffusione della pandemia.