Secondo il giornale La Nación in Argentina ci sarebbe una rete di riciclaggio che sfiorerebbe la Lega

La stampa di Madrid ha pubblicato che Malta ha inviato a un giudice spagnolo la prova di una rete che ha riciclato 14,5 milioni, dove viene menzionato Néstor Ramos, di Helvetic Services Group. L'italiano Aldo Ventola, 59 anni e residente in Svizzera, ha contribuito con denaro alla creazione del fondo Southern Cross Sicav Plc nel giugno 2015. Come rilevato dalle autorità finanziarie maltesi, alcune società hanno sede in Via Masone n. 5 a Bergamo, in Italia, dove sono domiciliate anche le società Ramos. Il rapporto di Malta evidenzia anche che Ventola ha legami con un altro caso avvenuto in Italia, quando la Lega Nord di destra ha dirottato circa 49 milioni di euro di fondi pubblici per le spese elettorali.

Pubblicato da La Nacion, tra i principali quotidiani argentini. Leggi l’articolo originale


Le autorità finanziarie maltesi hanno inviato alla giustizia spagnola i dettagli di una struttura finanziaria utilizzata da politici italiani ed ex funzionari chavisti per riciclare denaro che avrebbe qualche legame con l’avvocato argentino Néstor Ramos, dell’Helvetic Services Group, l’azienda presumibilmente utilizzata per aiutare a riciclare 55 milioni di dollari dall’uomo d’affari Lázaro Báez nella causa nota come la rotta del denaro K.

“Il Tribunale nazionale e l’Unità criminalità economica e fiscale (Udef) hanno scoperto un presunto prestanome del clan Kirchner e un contabile coinvolto in un caso di corruzione della Lega Nord italiana dietro una struttura di riciclaggio di denaro che ha acquisito più di cento immobili di lusso in Madrid e Marbella”, ha pubblicato oggi il media spagnolo El Confidentcial.

L’indagine indica che i soldi di questi complotti sono passati attraverso un fondo di investimento maltese attraverso il quale sarebbero passati anche i soldi della corruzione in Venezuela. Le indagini hanno fatto emergere almeno 14,5 milioni di euro sui quali fino ad ora non c’era indizio, secondo documenti a cui El Confidentcial ha avuto accesso.

In Spagna, il tribunale centrale di istruzione numero 3 dell’Alta corte nazionale, guidato da María Tardón, sta indagando su funzionari ed ex funzionari di Chavismo accusati di utilizzare la società di investimento Columbus One Properties, con sede a Madrid, per riciclare denaro attraverso l’acquisto di alberghi e case.

In questo processo, le autorità finanziarie maltesi hanno inviato al giudice Tardón rapporti su una delle entità che quella struttura finanziaria, dove sembra che altri gruppi oltre ai chavisti avrebbero utilizzato lo stesso canale per riciclare denaro attraverso la realizzazione e gli investimenti in Spagna.

Secondo El Confidentcial, l’italiano Aldo Ventola, 59 anni e residente in Svizzera, ha contribuito con denaro alla creazione del fondo Southern Cross Sicav Plc nel giugno 2015. Come rilevato dalle autorità finanziarie maltesi, alcune società hanno sede in Via Masone n. 5 a Bergamo, in Italia, dove sono domiciliate anche le società Ramos.

Ramos, processato in Argentina

In Argentina, Ramos è stato processato dal giudice federale Sebastián Casanello, per riciclaggio di denaro nel caso della rotta del denaro K. Tale decisione è stata confermata dalla Camera federale. È accusato di essere coautore di manovre di riciclaggio da 55 milioni di dollari.

Ramos aveva affermato di non sapere che i soldi di Baez provenissero dal crimine. Tuttavia, i giudici dell’Aula II Mariano Llorens ed Eduardo Farah hanno sottolineato che “vi sono prove sufficienti per concludere che Ramos è intervenuto attivamente nella creazione di una struttura legale, bancaria e finanziaria in Argentina e all’estero in cui convogliava fondi illegali provenienti da attività legate a reati pregressi il cui carattere – in tal senso – è stato affermato nella condanna emessa nella causa e non è discusso nella presente causa”.

La giustizia sospetta che Ramos, tramite Helvetic, abbia partecipato ai crimini attribuiti a Báez, per i quali avrebbe officiato come prestanome o frontman.

Nelle informazioni finanziarie inviate da Malta sono citati l’italiano Ventola, Ramos e il suo legame con la causa della K Money Route, secondo El Confidentcial.

La giustizia argentina ha condannato Báez l’anno scorso a 12 anni di carcere per questi atti di riciclaggio di denaro. Insieme a Báez, i suoi quattro figli sono stati condannati: Martín Báez, a nove anni di carcere; Leandro, cinque anni; e Luciana e Melina, a tre anni di suspense. Il finanziere Leonardo Fariña ha ricevuto cinque anni di carcere. Fariña pentito ha confermato la manovra che è stata accreditata con le informazioni che il giudice Sebastián Casanello ha ricevuto dalla Svizzera e che ha dimostrato che i beneficiari finali dei conti aperti nelle banche di quel paese per dodici milioni di dollari circolati, erano Báez ei suoi figli. I giudici che hanno firmato questa sentenza sono Néstor Costabel, Gabriela López Iñiguez e Adriana Palliotti. Ora la Camera di Cassazione riesaminerà quella sentenza.

La Lega Nord

Il rapporto di Malta evidenzia anche che Ventola ha legami con un altro caso avvenuto in Italia, quando la Lega Nord di destra ha dirottato circa 49 milioni di euro di fondi pubblici per le spese elettorali. Per questo caso, lo storico capo del partito e fondatore, Umberto Bossi, ha dovuto farsi da parte. Sarebbe stato Ventola a nascondere buona parte di quei 49 milioni.

Ventola è apparso anche nell’indagine sui Panama Papers, legata a diverse società offshore. In quel momento il quotidiano bergamasco Il Fatto Quotidiano andò a cercarlo all’indirizzo di via Masone (dove apparve anche Ramos). Trovarono un condominio, con un negozio di alimentari alla porta. Nella cassetta delle lettere c’erano tre fogli appesi, con 113 clienti Ventola. Nel 2020 le autorità lo hanno arrestato.

Secondo il resoconto del rapporto di Malta, i gestori del fondo Southern Cross Sicav Plc hanno concordato nel marzo 2016 di “acquisire immobili in Spagna” tramite Columbus One Properties Hospitality SL, creata appositamente a tale scopo. Ventola avrebbe messo un investimento di 14,5 milioni di euro, anche se si stima che i soldi che ci hanno spostato siano stati molti di più.

“Alla luce delle informazioni di cui sopra, l’Autorità [Malta Financial] ritiene che vi sia un’alta probabilità che l’attività di Southern Cross Sicav Plc non sia legittima e possa essere utilizzata per attività criminali, compreso il riciclaggio di denaro”, concludono. Malta, che ha sospeso la licenza della Southern Cross Sicav Plc.

L’Unità per la criminalità economica e fiscale ha lanciato un’operazione nell’ottobre 2018 per arrestare i proprietari di Columbus in Spagna e bloccare le quasi 130 proprietà che erano riusciti ad acquistare in soli tre anni di attività. Tra questi ci sono un hotel, due condomini e una dozzina di case a Madrid, insieme a un complesso di 40 appartamenti di lusso a Marbella.