PICCOLA GRANDE RIVOLUZIONE | Su impulso del Sottosegretario Merlo e del CGIE la Farnesina amplia le prerogative dei COMITES

Per quanto riguarda la rendicontazione dei bilanci, cambierà la procedura di trasmissione della documentazione; saranno ammesse spese di viaggio anche fuori dalla circoscrizione consolare di riferimento; ammissibili anche le spese per attività culturali, ricreative e sportive. Una piccola grande rivoluzione per i Comites di tutto il mondo

Ricardo Merlo, Sottosegretario agli Esteri e presidente del MAIE, insieme a Michele Schiavone, Segretario Generale del Consiglio Generale per gli italiani all'estero

Importanti novità in vista per i Comites. Una piccola grande rivoluzione, che servirà a rendere più efficace il ruolo dei Comitati degli italiani all’estero in tutto il mondo, a beneficio dei nostri connazionali residenti oltre confine.

L’iniziativa, dietro un’importante spinta del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero, è del Sottosegretario agli Esteri Sen. Ricardo Merlo, persona che conosce molto bene il mondo dell’emigrazione (è stato Presidente di Comites e Membro CGIE) e sa quanto sia fondamentale il ruolo dei Comites per le nostre comunità.

Ma veniamo ai cambiamenti, tutti positivi, tutti tesi a migliorare lo status quo.

Prima novità: sono in aggiornamento le regole per la rendicontazione dei bilanci dei Comites. La volontà del ministero degli Esteri è quella di semplificare il più possibile le procedure contabili e abbreviare i tempi per l’erogazione dei contributi. Operazioni più snelle, meno burocrazia, più efficienza.

Cambierà la procedura di trasmissione della documentazione, grazie anche alle innovazioni informatiche implementate dal Direttore Generale per gli italiani all’estero alla Farnesina, Luigi Vignali; prevista anche l’eliminazione del calcolo del cambio in euro per i bilanci dei Comites operanti in Paesi che non adottano l’euro. Misure che sono state richieste a più riprese dagli stessi Comites e dagli uffici consolari.

Ricardo Merlo, Sottosegretario agli Esteri, e Luigi Vignali, Direttore generale per gli italiani all’estero alla Farnesina

La novità più importante è che saranno ora ammissibili anche le spese per attività culturali, ricreative e sportive, ove siano finalizzate, ovviamente, a favorire l’integrazione nella società locale dei nostri connazionali. Significa che i Comites avranno finalmente fondi e strumenti per organizzare eventi che riescano a coinvolgere le comunità italiane e allo stesso tempo a promuovere la cultura italiana e il marchio Italia.

Non è ancora finita. L’ultima novità riguarda la possibilità di ammettere a finanziamento – con l’assenso del MAECI – spese di viaggio per gli spostamenti e l’organizzazione di eventi anche fuori dalla circoscrizione consolare di riferimento.

Si tratta di una novità fondamentale: in tal modo si consente ai Comites un più efficace coordinamento delle loro attività non solo nel Paese in cui operano, ma anche con la rete mondiale dei comitati.

Queste modifiche dovrebbero essere operative già a partire dal secondo semestre di quest’anno, proprio per favorire un nuovo slancio per i Comites, di cui saranno i nostri connazionali a beneficiare. Si attende solo il parere del CGIE, che a questo punto appare scontato.

Nel frattempo, il Segretario Generale del CGIE, Michele Schiavone, con un messaggio ha ringraziato il Sottosegretario Merlo “per avere assunto l’iniziativa e promosso le modifiche sostanziali che saranno utili a rendere più efficace la presenza dei Comites nel mondo”.

La Circolare sarà firmata a breve dal Direttore Generale Vignali, in attesa del parere del CGIE, che – lo diamo per scontato – sarà positivo.