Italiani all’estero, Massimo Romagnoli (MdL) candidato capolista al Comites di Bruxelles

"Stiamo lavorando a testa bassa, a stretto contatto con la comunità italiana, per cercare di fare registrare al voto il maggior numero di persone possibile"

On. Massimo Romagnoli, presidente MDL

Massimo Romagnoli, presidente del Movimento delle Libertà, è candidato capolista alle elezioni del Comites di Bruxelles. La lista è targata MdL, ovviamente. Liste MdL presentate e accettate anche a Mons, Genk, Colonia, Francoforte e Monte Carlo.

“Stiamo lavorando a testa bassa, a stretto contatto con la comunità italiana, per cercare di fare registrare al voto il maggior numero di persone possibile”, dichiara l’On. Romagnoli.

“Stiamo spiegando, soprattutto, che per poter cambiare ciò che non funziona dobbiamo necessariamente entrare nelle istituzioni, come lo sono i Comites appunto: organismi istituzionali ed elettivi che se ben gestiti e organizzati possono davvero rappresentare importanti punti di riferimento per gli italiani all’estero”.

“In Europa è ora di fare un salto di qualità. Da troppo tempo la sinistra, nei vari Paesi europei, fa il bello e il cattivo tempo, senza per altro riuscire a soddisfare le tante richieste di assistenza e aiuto che arrivano da parte dei nostri fratelli italiani”.

“Il nostro impegno – sottolinea il presidente MdL – è quello di fornire risposte e soluzioni concrete ai connazionali, pensando in particolare ai più deboli e bisognosi. A Bruxelles, così come nelle altre città, puntiamo a vincere, ad essere la lista più votata in assoluto. Lavoreremo in questo senso, senza pausa, durante tutte le prossime settimane”, assicura in conclusione Romagnoli.